Viaggio in Marocco: Essaouira, la città bianca

Essaouira, Marocco Essaouira | Luisa Puccini

Essaouira, conosciuta anche come la città bianca per il colore tipico degli edifici della sua medina, si trova sulla costa a circa un’ora e mezzo di macchina da Marrakech. Secondo la tradizione, la città venne fondata da mercanti cartaginesi e divenne presto scalo commerciale verso il Golfo di Guinea.

Nel III sec a.C., la città venne riconquistata dai berberi che vi instaurarono una monarchia che entrò nell’area di influenza commerciale di Roma, che scambiava qui sale e tintura a base di porpora. La città, annessa poi alla provincia romana della Mauretania Tingitana, venne dimenticata e secoli dopo la conquista araba fu riscoperta dai portoghesi, che la ribattezzarono Mogador. Nello stesso periodo, si sviluppò la comunità ebraica, che divenne intermediaria tra il sultano e le potenze straniere. Essaouira divenne base navale fortificata e unico porto marocchino aperto al commercio estero. Il suo declino arrivò con il protettorato francese, che favorì invece lo sviluppo di altri porti come Casablanca e Tangeri. La città iniziò a rifiorire grazie al turismo e alla sua vocazione culturale e musicale.

La città si sviluppa su due centri propulsori: il porto con la sua kasbah fortificata e la medina, inserita nel patrimonio dell’UNESCO. Questi due poli si trovano ai lati opposti di una grande piazza che si trova appena dietro le mura della città: entrando dalla porta monumentale, avrete a sinistra il porto e a destra la medina.

Questa piazza, verso ovest, si affaccia sul mare. Qui potrete godervi la vista dell’isola di Mogador, costituita in realtà da più isole, le Isole della Porpora. Devono il loro nome alla pesca dei murici, da cui si ricavava la porpora reale. Da ogni mollusco si può ricavare solo una goccia del colorante e dunque le sue applicazioni erano molto onerose. Questa grande piazza è assolata, ma spesso ventosa, e sul muretto che la separa dalla spiaggia potrete vedere i pescatori intenti a svuotare le reti e dare da mangiare a decine di gabbiani che costituiscono ormai il simbolo animato della cittadina.

Se vi spostate verso il porto, vedrete i primi banchi dove i pescatori vendono il pesce. Se entrate nel porto vero e proprio, questi banchi si moltiplicheranno, il pesce fresco appena pescato viene scaricato dai pescherecci e esposto su bancarelle per essere venduto. Potrete vedere diversi tipi di pesce, anche dei piccoli squali. Lungo il molo corron le mura fortificate della kasbah, che potrete visitare. Salite sul castello e affacciatevi dalle mura merlate, ancora difese dai cannoni.

Dalla parte opposta della piazza, invece, entrate nella medina, nei vicoli stretti che si aprono poi in piccole piazze dove sono allestiti mercati e bazar. Nei vicoli potrete anche vedere gli gnawa che suonano gli strumenti tipici e curiosare tra le varie botteghe.

Dove dormire. Noi abbiamo alloggiato al Riad Nakhia, Un hotel grazioso, nascosto dentro un piccolo tunnel al centro della medina, esattamente in Rue Agadir. Il gestore è ospitale e molto gentile, vi troverete bene. Come in ogni riad anche qui la colazione è abbondante e offerta in terrazza.

Dove mangiare. Nelle strade intorno alla piazza principale ci sono numerosi ristoranti dove potrete assaggiare delle ottime tapine di pesce.

Come arrivare. Arrivare a Essaouira da Marrakech in macchina (noleggio auto Marrakech) è facile: una volta usciti da Marrakech, seguite l’autostrada fino a Essaouira, a circa un’ora e mezza di distanza. Lungo la strada, potrete vedere numerose cooperative femminili di preparazione di prodotti a base di argan. Potrete osservare i diversi stadi della preparazione dei diversi prodotti e acquistarli direttamente lì, se siete interessati. Arrivando a Essaouira, passerete anche da punti panoramici e da una lunga spiaggia: qui è possibile fare passeggiate a piedi, a cavallo o su un dromedario. Nella stagione giusta, potrete anche fare surf.

Itinerario Marocco: Essaouira

Essaouira | Luisa Puccini –
orangephotographic.it

Essaouira è una tappa dell’itinerario di viaggio
Marocco in 15 giorni