Un giorno a Quebec City: cosa vedere, dove dormire e mangiare

Cosa vedere a Quebec City CC Manuel Menal
L’articolo fa parte del viaggio in Canada orientale di Thomas, qui trovi l’itinerario completo »

Lasciamo Montreal attraversando l’imponente Pont Jacque Cartier sopra il fiume S. Lawrence, direzione nord-est, imboccando la scorrevole Trans-Canada Hwy. A circa metà strada imbocchiamo la deviazione verso Trois-Rivieres (Tre Fiumi), la seconda città più antica del Canada e degli Stati Uniti, che merita una veloce visita: il centro urbano è incastrato tra due vie principali, Rue Notre Dame e Rue Des Forges, sulle quali si affacciano numerosi bar alle cui spalle si trovano delle vie più tranquille che conducono alla passeggiata sul lungo fiume, la parte più antica della città dove si incontrano gli edifici di maggior interesse come il vecchio carcere En Prison, l’antico ospedale delle Orsoline e la cattedrale neogotica de l’Assomption.

Ritornati alla guida, dopo un’ora circa, raggiungiamo Quebec City, distinguibile in lontananza per le mura de La Citadelle, fortificazione militare in cima allo sperone Cap Damiant, che domina il corso del fiume.

Trascorriamo la giornata nella suggestiva Vieux-Quebec, Patrimonio UNESCO, che occupa una superficie di dieci chilometri quadrati circa. Parcheggiamo l’auto alla base del dirupo. Per risalirlo è possibile usare un ascensore o le scale dal lato sud, oppure usare la teleferica panoramica molto più scenografica ma anche affollata dal lato nord, o ancora salire lungo le ripide strade in porfido di Ruè Cote de la Montagne.

» Cerchi un volo per Quebec? Su Skyscanner.it puoi trovare offerte di voli low cost a partire da 370 €.

Immortaliamo lo Chateau Frontenac, tra gli alberghi più fotografati del mondo, per poi fermarci alla Terrasse Dufferin proprio di fronte, per godere della spettacolare vista panoramica di 180 gradi sul fiume e la vallata.

Abbiamo poi visitato i diversi quartieri, che trasmettono un fascino diverso. La parte alta di Quebec City ha un’impronta marcatamente militare, con la piazza d’armi e La Citadelle, che con la superficie di circa due chilometri quadrati e mezzo risulta la struttura difensiva più ampia di tutta l’America. Nelle sue vie si alternano negozi di souvenirs, gallerie d’arte, ristoranti di classe e angoli di verde urbano occupati da artisti di strada e musici.

La parte bassa di Quebec invece è ricca di storia monumenti e targhe che ne ricordano gli accadimenti; tra questi il Musèe de la Civilisation, le cui esposizioni permanenti sono dedicate alle culture native del Quebec, e la chiesa di Notre Dame des Victoires, la più antica in pietra dell’america settentrionale.

Quebec City

CC David Ohmer

Dove dormire a Quebec City. Le sistemazioni più romantiche sono i piccoli alberghi in stile europeo sparsi nella città vecchia come il B&B Chez Marie-Claire e il B&B Chez Hubert che si riempiono nelle settimane centrali della stagione estiva, per cui è conveniente fare prenotazioni con un po’ di anticipo. L’atmosfera che offrono è piacevole ed i prezzi non eccessivi. Le soluzioni più economiche e senza problemi di parcheggio sono quelle fuori dalle mura, comunque raggiungibili a piedi in meno di 20 minuti, come il

Dove mangiare a Quebec City. Nella città alta molti locali hanno uno sbocco panoramico ed offrono menù fissi a pranzo, più economici, mentre alla sera si cena à la carte. Fuori dalle mura sono tre le zone che raccolgono il maggior numero di locali: lungo Rue St. Jean si trovano molti ristoranti etnici e con attenzione al biologico e all’offerta vegetariana e vegana; Ave Cartier è famosa per i bistrò (un po’ più cari) frequentati dai locali; nel quartiere di Saint Roch, più giovane e modaiolo, hanno aperto diversi caffè di nouvelle cuisine. Abbiamo scelto Le Billig, bistrò bretone famoso per le crepes salate cucinate con un mix di ingredienti internazionali e locali, insieme a del buon vino di importazione, spendendo circa 20 € a testa.

Il viaggio di Thomas in Canada continua lungo la route 132 direzione la Gaspésie. Leggi qui l’articolo »