Categorie
Brasile

Porto Alegre, Brasile: industria, allegria e democrazia

Capitale dello stato del Rio Grande do Sul, una delle città più popolose in Brasile la cui anima vive di industria, divertimento e fervente attività politica.

Questo articolo è una tappa del viaggio di Davide in Sudamerica. Leggi l’itinerario completo qui »

Siamo in Brasile, le distanze diventano ancora più siderali. Da Puerto Iguazu prima si prende un bus per arrivare alla dogana, si passa a piedi il controllo documenti e si aspetta un altro bus che porta sino alla stazione di Foz do Iguaçu. Da lì si aspetta il proprio autobus per Porto Alegre, 800 km per otto ore di viaggio. I bus brasiliani non sono esattamente confortevoli come quelli argentini, un po’ più scalcinati e meno comodi, comunque il viaggio è fattibile.

Ed eccoci a Porto Alegre, capitale dello stato Rio Grande do Sul. Quattro milioni di abitanti – compresa la provincia – Porto Alegre è una città in eterno fermento: industria (stabilimenti chimici, metallurgici, tessili, alimentari, meccanici, legno e caucciù), università, istituti di ricerca, via vai continuo, ristorantini, una vita notturna di tutto rispetto che la rendono giovane e brulicante.

È una città grande, e come in tutti i centri piuttosto vasti bisogna abituarsi al caos, cercare, scoprire e chiedere. Gli abitanti sono detti gauchos e l’immigrazione negli ultimi decenni ha dato un notevole incremento al numero di cittadini: non stupitevi se sentirete parlare anche spagnolo, tedesco, italiano.

Porto AlegrePorto Alegre è prima di tutto una città da attraversare e da vivere: passeggiate lungo le strade affollate, curiosate tra i mercatini e scambiate due battute con le persone, e già riuscirete a entrare in sintonia con la città. Non perdete i parchi – per esempio il Farroupilha Park (Redenção) a 1km dal centro – e fatevi un giro nelle università. La città brulica di teatri, centri culturali, musei, librerie e chi più ne ha più ne metta. Dedicate una giornata al Museo della scienza e della tecnologia – se avete dei bambini si divertiranno come pazzi, soprattutto con il simulatore di terremoti – e pranzate almeno una volta al mercato pubblico di Piazza XV Novembre: non dimenticate il cafezinho, anche se per chi non ama lo zucchero come il sottoscritto sarà un’esperienza difficile da gustare, in Brasile difatti il caffè è già zuccherato.

Queste son solo alcune delle mille cose che potete fare a Porto Alegre, se avete tempo val la pena fermarsi almeno tre giorni. Prima di scegliere il vostro programma comunque prendete informazioni al centro del turismo sulle varie attività dei giorni che passerete nella capitale del Rio grande Do Sul.

Brasile, Porto AlegrePorto Alegre non è solo una delle città più vivaci, industriose e divertenti in Brasile, ma anche uno dei luoghi dove più si sono sperimentate forme di democrazia alternative. Uno dei motivi per cui la città è nota in tutto il mondo è che ha ospitato dal 2001 quattro delle prime cinque edizioni del Forum sociale mondiale, luogo di incontro e confronto tra i membri dei movimenti per la globalizzazione alternativa di tutto il mondo. E lo faceva in virtù di una struttura politica cittadina che rimanda a una vera e propria democrazia diretta: ovvero i cittadini non soltanto eleggono i loro rappresentanti, ma partecipano attivamente alla vita politica che li riguarda attraverso diverse forme di partecipazione popolare, e metodi decisionali basati su forme assembleari. La grande alternativa di Porto Alegre è stata l’introduzione del bilancio partecipativo, attraverso cui i cittadini con la divisione in circoscrizioni e quartieri decidono in prima persona dove investire i fondi pubblici e quale priorità stabilire per le esigenza della loro realtà.

Dove dormire. Una possibilità economica e confortevole è l’ostello Porto do Sol, a pochi metri dai parchi della città e dalla zona più nottambula, oltre che strategicamente ottimo per visitare centro e università. Camere dormitorio tra i 10 e gli 11 euro, le private 16/18. Consigliata prenotazione. Una seconda possibilità è l’ostello Porto Tchê, altro luogo molto accogliente e con un ottimo staff, qualche euro in più ma non andrete oltre i 15 per un dormitorio e i 30 per una stanza privata. Anche qui vi consigliamo di prenotare.

Il viaggio continua… Nella città di Florianopolis

Articoli correlati

Northern Territory: Katherine Gorge e il Tempo del Sogno

Katherine Gorge, o Nitmiluk National Park, è tra le mete più suggestive del Northern Territory australiano ed è nota per l’antica cultura aborigena.

Perù: cosa vedere e cosa fare a Lima

La top 5 di Lima, la capitale e porta d’accesso alle meraviglie del Perù, la metropoli che Melville descrisse come la più strana e triste città che si possa vedere

Viaggio in Kirghizistan: il lago Issyk-Kul

Noto fin dall’antichità come punto di passaggio delle rotte mercantili, questo specchio d’acqua cristallino è immerso in una splendida cornice naturale, essendo circondato dalle vette innevate della catena del Tian Shan, i monti del cielo.

Cosa vedere in Mongolia: gli Altai e i popoli delle aquile

La natura maestosa della Mongolia dà il meglio di sé nelle regioni dell’ovest dominate dai monti Altai dove la civiltà mongola entra in contatto con quella centro-asiatica.