Categorie
Perù

Cuzco e le meraviglie della capitale dell’impero Inca

Il cuore della civiltà Inca, considerata la capitale storica del Perù, a 3399 metri un paradiso di viuzze e incontri sperduti in mezzo alle montagne.

Questo articolo è una tappa del viaggio di Davide in Sudamerica. Leggi l’itinerario completo qui »

Da Arequipa sono quasi 500 km, poco più di sette ore di autobus. Tempo trascorso ad ammirare i lunghi tornanti che si snodano in mezzo alle nuvole per arrivare a 3399 metri, in una città che sa di mito, di tempi antichi ed è sperduta in mezzo alle montagne peruviane. Chi al mondo non ha sentito parlare di Cuzco (Cusco nella versione spagnola o Qosqo in quechua), se non per la storia della civiltà Inca perlomeno per l’animazione targata Disney Le follie dell’imperatore.

La città – o forse meglio dire il paese – è bella, affascinante, circondata da valli e montagne: El Sol, la via principale e la più trafficata l’attraversa mentre mille viuzze permettono di esplorarne l’animo antico e intimo. Dichiarata nel 1983 patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, Cuzco è considerata da molti la capitale archeologica di tutto il Sudamerica, dove l’architettura Inca si fonde con quella coloniale spagnola, la nazione che scoprì questo gioiello e come è noto portò avanti una delle pagine più cruente della storia coloniale, con l’inganno e lo sterminio delle popolazioni locali.

Nella città si può ammirare questa fusione di stati d’animo, e si può passare qualche giorno a esplorare, magari aiutandosi con il mate de coca contro l’altitudine. Difatti è comune per chi non è abituato a vivere a queste altitudini il sentirsi un po’ in affanno; a combatterlo ci si può aiutare con il rimedio campesino, ovvero le foglie di coca (foglie naturali radicalmente diverse dalla polvere bianca sniffata in Occidente). In Perù e Bolivia la foglia di coca è intrinseca alla cultura e alle tradizioni di questi luoghi: storicamente usata da contadini e minatori perché aiuta nei lavori molto pesanti.

viaggio in Perù

Cuzco non è solo storia e Plaza de Las Armas: c’è anche una grande vitalità notturna, con il quartiere di San Blas a fare da centro bohémien con sorprendenti serate da passare in compagnia del pisco, che aiuta anche i più timorosi a buttarsi nella socialità notturna.  Cuzco è lontana, sperduta ma resta un passaggio obbligato: rappresenta infatti la base di partenza per incamminarsi verso una delle meraviglie del mondo, Machu Picchu.

Ma non andate di fretta: trascorrete qualche giorno nella capitale Inca, rilassatevi divertitevi e prendete confidenza con l’altitudine, preparate attentamente l’incontro con Machu Picchu e soltanto dopo partite verso uno degli spettacoli più luminosi del globo…

Il viaggio di Davide in Sudamerica continua sul Machu Picchu »
Articoli correlati

Perù: cosa vedere e cosa fare a Lima

La top 5 di Lima, la capitale e porta d’accesso alle meraviglie del Perù, la metropoli che Melville descrisse come la più strana e triste città che si possa vedere

Rapa Nui, l’isola misteriosa alla fine del mondo

Le statue dell’Isola di Pasqua sono uno dei grandi enigmi dell’archeologia e probabilmente la causa del disastro ambientale che ha determinato l’estinzione della civiltà che le ha prodotte.

La Silla, il miglior posto al mondo per guardare il cielo

Il mio viaggio in Cile inizia con l’osservazione di un’eclissi all’Osservatorio Astronomico di La Silla, ai margini di uno dei luoghi più isolati della Terra.

Nel deserto di Atacama ci sarà un’eclissi totale di Sole

Nel luogo più arido al mondo. Grazie alla posizione remota, l’elevata altitudine e le notti generalmente serene, questo deserto nel nord del Cile è uno dei posti migliori dove osservare le stelle.