Viaggio in Vietnam: la grande traversata del Dragone

Halong Bay - Vietnam Foto di Adriano Frosi ©
Tappe del viaggio: Hanoi – Hué – Hoi An – My Son – Nha Trang – Saigon – Delta Mekong – Sapa – Halong Bay

Tour, costi e organizzazione

VietNam, un nome che è leggenda! La tariffa aerea della Singapore Airlines a 599 € per un volo da Milano a/r su Hanoi e possibile sosta a Singapore, è veramente appetibile. Il richiamo è forte e preparo un itinerario di una ventina di giorni attraverso il Paese da nord a sud, da Hanoi a Saigon, dalle tribù montane di Sa Pa al delta del Mekong, passando per la baia di Halong. Dopo accurate indagini in rete, scelgo un tour operator di Hanoi che mi pare di grande affidamento e serietà: la Asiatica Travel. Veloci scambi di mail e concordiamo il programma di viaggio per due persone con guida, macchina e autista solo per noi. La Asiatica Travel provvede anche all’acquisto dei voli interni, biglietti ferroviari, prenotazione degli alberghi, ecc. Veramente un  ottimo servizio! Ecco l’itinerario.

Viaggio in Vietnam: HanoiHanoi. La passeggiata sulle rive del lago Hoan Kiem, cuore del quartiere vecchio della città, per prendere confidenza; il “Tempio della Letteratura” (anno 1070) sede della prima Università vietnamita, l’interessante Museo di Etnologia, la celebre “Pagoda su una sola colonna”, la buddista Pagoda di Tran Quoc e il tempio taoista Quan Thanh. Queste le principali attrazioni di Hanoi.

Hué. L’antica capitale del Vietnam. La visita alla Cittadella Proibita e alla tomba dell’imperatore-poeta Tu Duc richiedono mezza giornata; con un sampano, la tipica imbarcazione, scendiamo il “Fiume dei Profumi” per visitare la celebre “Pagoda della Signora Celeste,” di ben sette piani, ognuno dedicato a un Buddha apparso in sembianze umane.

Hoi An. La Strada dei Mandarini ci porta verso sud valicando il Colle delle Nubi. Scendiamo su Danang per una breve visita al Museo di scultura Cham di meritata fama mondiale. L’antico centro pedonale, le molte sartorie per buoni abiti su misura, le gallerie d’arte, i numerosi e ottimi ristoranti, il mercato coperto, il Ponte Giapponese, il Tempio Cinese di Quan Cong, alcune antiche case fanno di Hoi An, dichiarata “Patrimonio dell’Umanità” dell’Unesco, una tappa da non perdere. Un’escursione di mezza giornata a My Son, per visitare gli importanti ed estesi resti di templi e santuari dell’antico regno Champa, in un paesaggio suggestivo.

Nha Trang. Sosta per un paio di giorni di mare. La lunga spiaggia non è paragonabile, come i vietnamiti sostengono, alle migliori caraibiche ma risulta comunque gradevole. La città ha due volti molto ben distinti: il lungomare è tutta una sfilata di alberghi a 5stelle. Cento metri alle spalle di questi edifici è rimasta la città tipica del Vietnam, con alimenti, bevande, frutta, verdura e fiori adagiati direttamente sull’asfalto…

Ho Chi Minh (Saigon). Atmosfera molto diversa da Hanoi, clima più caldo e umido, gente meno cordiale e più “furba”, prezzi più elevati, ambiente simil-europeo (in pieno centro). Visite tradizionali alla cattedrale Notre-Dame, la Posta Centrale, la vecchia zona coloniale, il mercato Ben Thanh e il pittoresco quartiere cinese di Cholon. Il “Museo dei Residuati Bellici”, agghiacciante testimonianza degli orrori e incredibili atrocità della guerra, il “Palazzo della Riunificazione”, simbolo del vecchio governo sud vietnamita. Interessanti le escursioni ai tunnel di Cu Chi e al Tempio di Cao Dai.

Delta del Mekong. Da Saigon in tre ore di auto si va alla scoperta del leggendario Mekong con il mercato galleggiante di Cai Be. A Vinh Long si traghetta in pochi minuti per Can Tho per la visita allo spettacolare (anche se, ormai, un pò troppo… moderno) mercato galleggiante di Cai Rang. Centinaia di sampani carichi all’inverosimile di riso, frutta, verdure, prodotti di artigianato, si riuniscono per scambiare o vendere la loro merce e per andare… all’arrembaggio dei turisti!

Viaggio in Vietnam: donne SapaSapa. Da Hanoi in treno notturno per Lao Cai, città di confine con la Cina, per raggiungere, poi, in auto il vivace centro di Sapa a 1600 metri. La vista è splendida, ma il clima è abbastanza rigido ed è facile soffrire il freddo. Qui risiedono i montagnards, le tribù di montagna, come gli H’Mong, Dzao Rossi, Giay, Tay. Sono previste alcune semplici passeggiate (a Cat Cat) o trekking più impegnativi (villaggio di Ta Pinh), per visitare le tribù nei loro villaggi.

Halong Bay. La crociera di due giorni perderà molto del suo fascino causa persistente nebbiolina che non permette di apprezzare in pieno il panorama certamente particolarissimo e affascinante, se ci fosse il sole… Cosa abbastanza rara. La “Halong Emotion Giunca” di Asiatica Travel ospita non più di 20/25 persone, con servizio e cucina ottimi, cabine un po’ piccole ma graziose. Interessante la visita alle “Grotte della Sorpresa” e l’incontro con quei poveretti che vivono sull’acqua a bordo di minuscole chiatte, qualche acquisto per… scopi umanitari, bagno in acque tranquille e abbastanza calde. Una simpatica, bella esperienza senza motorini…

Da leggere e da vedere

Leggo un paio di libri, diversi fra loro ma “istruttivi”, come Pelle di leopardo del mitico Tiziano Terzani, il reportage di tanti anni vissuti dentro la guerra , e Memorie di un Vietcong di Truong Nhu Tang, uno dei fondatori del movimento vietcong. Questo per avere un minimo di retroterra cultural-storico del Paese che mi aspetta. Per quanto riguarda il cinema, c’è solo l’imbarazzo della scelta, da Apocalypse Now di Coppola a Platoon di Oliver Stone, dal Cacciatore di Michael Cimino a Full Metal Jacket di Stanley Kubrick, da L’amante di Jean-Jacques Annaud a Il profumo della papaya verde di Tran Anh Hung (Camera D’Or al Festival di Cannes ’93).

Si parte!

Questa è solo una parte del Vietnam, fatta in 18 giorni con i voli interni Hanoi-Hué, Danang-Nha Trang, Nha Trang-Saigon, Saigon-Hanoi. Il visto d’ingresso lo manda per email il tour operator al costo di 15 $. I ristoranti costano pochissimo (15/20 € in due) e la cucina è sempre ottima e stuzzicante con buona birra locale. Gente simpatica e cordiale. Buon divertimento!

Il viaggio di Adriano in Vietnam continua: prossima tappa Hanoi »