Brindisi: cosa vedere in un giorno

Brindisi: cosa vedere in un giorno Piazza Duomo © IG/Francesco Ciavarella

Brindisi vanta il porto più attivo di tutta l’Italia meridionale con collegamenti per le principali località di Grecia, Albania, Turchia ed è il punto di arrivo per raggiungere il Salento in aereo. Ma d’interesse non è solo la sua posizione strategica, Brindisi è una città moderna, che cela caratteristici scorci medievali e rovine dell’antica Roma.

DOVE DORMIRE A BRINDISI CENTRO: B&B Affittacamere Del Teatro e Dimora Nettare

Ore 9:00. Il Lungomare Regina Margherita è il luogo ideale per iniziare la passeggiata con vista sul porto, qui si trova la ormai famosa Casa del Turista, che fornisce informazioni e documentazioni sulla città. Proseguiamo fino alla Scalinata Virgilio che conduce al simbolo di Brindisi, le Colonne Romane, ritenute le terminali della via Appia, da questa posizione si può già ammirare sul lato opposto del canale il monumento al Marinaio d’Italia e proprio accanto alla scalinata, la Palazzina Belvedere che ospita la Collezione Archeologica Faldetta (aperto da martedì a domenica h.10-13/17:30-20:30, ingresso gratuito). Entriamo in piazza Duomo per visitare l’antichissima Cattedrale di San Giovanni Battista che insieme al Palazzo Balsamo con la famosa Loggia, al Palazzo del Seminario ed al Museo Archeologico Provinciale F. Ribezzo (aperto da lunedì a venerdi h.8-17 ingresso gratuito, visita guidata 25€) si affaccia sulla più bella piazza della città.

Brindisi cosa vedere: tempo di San Giovanni Sepolcro

Tempo di San Giovanni Sepolcro © IG/Daniele Polmone

Passando dal Portico dei Cavalieri Templari che oggi funge da ingresso al Museo Archeologico, proseguiamo con la visita all’interessante Palazzo Granafei Nervegna (aperto tutti i giorni h.8-20:30, ingresso gratuito) edificato nel 1565, e all’area archeologica di San Pietro degli Schiavoni (aperto da lunedì a venerdi h.9-19, ingresso gratuito), affascinanti resti di un quartiere dell’antica Roma, proprio sottostante il nuovo Teatro Verdi che colpisce per la sua architettura avveniristica. Poco distante sorge il Tempio di S. Giovanni Sepolcro, bellissima chiesa romanica dalla particolare forma circolare, chiusa al culto ma aperta al pubblico con visite guidate. Il nostro itinerario della mattinata termina a Castello Svevo, il monumento più famoso di Brindisi che purtroppo si può ammirare solo dall’esterno, è zona militare e viene aperto al pubblico solo in speciali periodi con visite guidate.

Ore 13:00. Per il pranzo molti sono i locali in centro o al porto turistico all’attracco della motonave, dove gustare le famose fritte o anche solo prendere l’aperitivo in una friggitoria. Segnaliamo, per chi vuole trattarsi bene, Acquapazza in piazza Dante.

Ore 15:00. Visitiamo “lu monumentu”, il Monumento al Marinaio d’Italia (raggiungibile con motobarca o autobus 5 – 4) con le sue sale storiche, la suggestiva cripta e l’indimenticabile vista sul porto e sulla città che si gode dalla terrazza.

Brindisi cosa vedere: Monumento al Marinaio d'Italia

Dal Monumento al Marinaio © IG/Nik Pignatelli

Ore 16:30. A circa due chilometri direzione aeroporto, troviamo la Chiesa di Santa Maria del Casale (aperta tutti i giorni dalle h.8-20, ingresso libero), tappa imperdibile che risale al XIII secolo e Monumento nazionale dal 1875. Internamente la pianta è a croce latina a una navata, vi troverete una colonna in marmo pario con croce che si ritiene risalga al IX secolo, e affreschi sulle pareti datati XIV secolo: su quella d’ingresso il Giudizio universale di Rinaldo da Taranto.

Ore 18:00. Sull’isola di Sant’Andrea stanno terminando i restauri dello spettacolare Castello alfonsino che dovrebbe riaprire a breve (al momento apre solo in rare occasioni e per eventi culturali): risale al 1445 quando Alfonso V d’Aragona fece costruire una prima torre come avamposto difensivo del porto sui resti di un’antica abbazia benedettina; l’opera venne poi prolungata e infine racchiusa da baluardi e fortificazioni.

Brindisi cosa vedere: castello alfonsino

Castello alfonsino © IG/Valantis F.

Ore 20:30. Alla Masseria Baroni Nuovi, a circa 17 chilometri da Brindisi centro, potete gustare ottimi e raffinati piatti della tradizione accompagnati da altrettanto ottimi vini. Volendo stare fuori dal caos cittadino, potete dormire qui per godere dell’ospitalità salentina.

Come arrivare a Brindisi. In auto: autostrada A14 uscita Bari Nord, proseguite per l’superstrada per Brindisi (120 km); in treno: le Ferrovie dello Stato offrono diverse soluzioni, alcune dirette altre con uno o più cambi; in aereo: l’aeroporto di Brindisi Casale è raggiunto da diversi voli anche low cost, potete consultare i prezzi su Skyscanner.