Val Gardena, 5 escursioni dolomitiche da fare in giornata

Escursioni in Val Gardena Gruppo del Sella - © Tourist Office Val Gardena

La Val Gardena offre una quantità di percorsi di trekking, attività sportive e panorami mozzafiato nel cuore delle Dolomiti. Se in inverno il comprensorio Dolomiti Superski rappresenta il posto migliore per sciare in Italia e non solo, durante la primavera e l’estate a richiamare persone da tutto il pianeta sono soprattutto le arrampicate e gli itinerari a piedi, tra rifugi, valli e paesaggi lunari. Ecco cinque itinerari a piedi fattibili in un giorno.

1. Puez (Selva di Val Gardena – Ciampac – Passo Gardena)

Camminata di circa 6 ore, con un dislivello di 1000 metri che richiede un minimo di allenamento.

Il Puez è il gruppo montuoso dolomitico che assieme alle Odle forma la maggior parte del parco naturale Puez-Odle, circondato dalla Val Badia, dalla val Gardena, e dalla val di Funes. Il percorso permette una vista unica su Val Badia e Val Gardena.

La Cappella di S.Silvestro in Vallunga

La Cappella di S.Silvestro in Vallunga – © Tourist Office Val Gardena

Si parte da Selva di Val Gardena, con inizio camminata rilassante e disteso in Vallunga, accompagnati dalla vista sulle montagne dello Stevia e le ripidi pareti del massiccio del Puez a sinistra, il Col Turond e le montagne della Val de Chedul a destra. In fondo alla valle inizia una salita più impegnativa che porta al Ciampac, 600 metri di dislivello. Una volta conclusa la salita il pezzo duro è fatto, prendetevi una pausa e godetevi il magnifico paesaggio. La ripresa ci porta lungo l’altipiano di Crespeina, passando per il bellissimo lago e arrivando alla croce del Passo Crespeina. Da qui la vista è spettacolare, sul gruppo del Cir, il Mont de Seura e la Val de Chedul. Da qui il sentiero prosegue fino al passo del Cir, e poi ancora in un paesaggio fiabesco fino a Passo Gardena, valico alpino a 2.121 metri. Da qui ancora un piccolo sentiero a prendere la cabinovia Dantercepies, che riporta a Selva di Val Gardena, punto di partenza e di arrivo dell’escursione.

2. Gruppo del Sella (Passo Pordoi – Rifugio Cavazza – Passo Gardena)

Tempo necessario di cammino 6 ore. E’ un percorso che presuppone buone condizioni fisiche e dimestichezza con la montagna, senza dimenticare le condizioni meterologiche. Viste le altitudini che arrivano a 3000 metri è un percorso da evitare in caso di nebbia o cattive previsioni.

Escursioni Dolomiti, Rifugio F.Cavazza al Pisciadù

Rifugio Cavazza – © Tourist Office Val Gardena

L’escursione prevede l’attraversamento del gruppo del Sella, inconfondibile per i paesaggi lunari e la conformazione. Per la bellezza del paesaggio è una delle mete preferite dagli escursionisti. Dal Passo Pordoi, a 12 km da Canazei, si prende la funivia del Sass Pordoi che rappresenta l’accesso più veloce al Gruppo del Sella. Da qui parte la camminata lunare che ha come meta il Rifugio Cavazza al Pisciadù, 2.585 metri di altitudine. Accanto al Rifugio trovate il laghetto Pisciadù, dai colori turchesi e che contribuisce a fare di questo posto uno dei più belli e ambiti di tutte le Dolomiti. Dal Pisciadù, attraverso il sentiero 666 si torna a Passo Gardena.

3. Sassolungo (Monte Pana – Rifugio Demetz – Alpe di Siusi)

6 ore di cammino, necessario un po’ di allenamento e cautela nell’affrontare le discese. Il percorso che regala spettacoli unici, è alleggerito dalla possibilità di prendere i bidocini nella salita al Demetz.

Escursioni Dolomiti, Sassolungo

Sassolungo – © Tourist Office Val Gardena

Da Monte Pana, raggiungibile in macchina o in seggiovia da Santa Cristina, si parte verso Passo Sella. Nella parte iniziale si segue un lungo sentiero in salita che porta ai piedi del Sassolungo, quindi si può scegliere se puntare il Rifugio Demetz a piedi o prendere i bidoncini. Arrivati in alto, si affronta un tratto in discesa in un’atmosfera lunare per arrivare al Rifugio Vicenza. Poi non resta che la discesa (prima parte rocciosa, poi soffici prati) verso l’Alpe di Siusi.

4. Alpe di Siusi – Val Duron

Per fare questa passeggiata di circa 7 ore in un giorno è necessario avere una buona gamba.

Escursione Dolomiti, Lago Antermoia

Lago Antermoia – © www.rifugioantermoia.com

Uno dei tracciati migliori è considerato quello che parte dall’Alpe di Siusi e si conclude in Val Duron. Partenza mattina presto, due ore di cammino in salita dalle valli dell’Alpe al Rifugio Alpe di Tires, alle spalle dei cosiddetti Denti di Terrarossa, da lì giù al Rifugio Molignon. Prendete una pausa, rifocillatevi, da qui si punta il Rifugio Principe. Attraverso il Passo Principe si raggiungono i laghetti di Antermoia, bacino glaciale che non si prosciuga in estate. Siamo a 2500 metri, si passa a 2600 metri per il Rifugio Antermoia e si inizia la discesa lungo la Val Duron, in Val di Fassa.

5. Ortisei – Malga Brogles

Percorso dai panorami mozzafiato, uno sguardo unico sulle Odle e la Val di Funes e 6 ore di cammino.

Baita Brogles, Escursioni Dolomiti

Baita Brogles – © Tourist Office Val Gardena

Il percorso parte da Ortisei, località più nota e popolata della Val Gardena. Prima tappa Malga Brogles, situato a quota 2045 metri al di sopra dei boschi: per arrivare si prende la funicolare per il Rifugio Rasciesa, da lì c’è un’ora e mezza di camminata quasi pianeggiante per la Malga, con una vista spettacolare sul Sassolungo. Dal Rifugio Brogles si prende la forcella Pana, il passaggio più diretto tra la conca della malga, sul versante della Val di Funes, e quello dell’Alpe Mastlé, sul versante gardenese della montagna. In due ore si raggiunge la Forcella Pana, con un bellissimo spettacolo che si apre verso sud, con le Dolomiti della val Gardena in primo piano e dietro la Marmolada e la cima del Catinaccio. Verso nord lo sguardo cade sulla verdeggiante Val di Funes. Si torna scendendo per il Seceda e si torna a prendere la funivia che porta a Ortisei. Si può decidere di scendere in funivia anche dal Seceda alla partenza per Ortisei.