Visitare Firenze: l’anello del Rinascimento

Anello del Rinascimento CC PapaPiper

Patrimonio dell’Umanità UNESCO, Firenze, in origine Florentia, sorge in una sorta di anfiteatro naturale, circondato lungo tre lati da colline e tagliato dal fiume Arno. E’ una tra le città più belle al mondo, culla del Rinascimento.

E se ci si ritrova tra le sue strade, il traffico e la gente, pieni di aspettative, immancabilmente soddisfatte, può capitare di sentirsi un po’ disorientati dalla quantità di meraviglie, dall’imbarazzo della scelta. Le possibilità sono davvero tante: lustrarsi gli occhi nella miriade di musei, aggirarsi estasiati tra le piazze, attraversare il famoso Ponte Vecchio… optare per un itinerario tematico, ad esempio quello dettato dalle statue più belle, come Giuditta e Oloferne di Donatello e il David di Michelangelo, oppure dai capolavori su tela…

Un’idea alternativa è quella di percorrere il cosiddetto anello del Rinascimento, in un itinerario all’insegna della storia che spazia tra le colline circostanti la città, immersi nell’arte e nell’architettura fiorentina. L’anello è ampio 170 km, perciò non è possibile esaurirlo in una giornata, ma è suddiviso in sottopercorsi, 8+5, che possono essere intrapresi a piedi o in mountain bike e i cui punti di partenza sono tranquillamente raggiungibili con mezzi pubblici o macchina. Qualche esempio?

Anello del Rinascimento - Firenze

Calenzano – Vaglia

Lunghezza: 19,7 km
Tempo stimato: 6 ore circa
Difficoltà: facile
Cosa vedere: splendida passeggiata lungo le pendici dell’antico Mons Maurillius (Monte Morello), per chi vuole godere lo spettacolo di Firenze dall’alto, e dei suoi dintorni tra ulivi, osterie medievali, fonti e rifugi.

Vaglia – Alberaccio – Fiesole

Lunghezza: 23 km
Tempo stimato: 6 ore e mezza circa
Difficoltà: medio/facile
Cosa vedere: ripercorrere un antico tracciato, camminare lungo crinali e godere degli splendidi panorami sulla città e sulle vallate circostanti, fino a Fiesole, tra edifici antichi, prati e boschetti.

Santa Brigida – Pontassieve

Lunghezza: 13 km
Tempo stimato: 4 ore
Difficoltà: facile
Cosa vedere: una piacevole passeggiata tra antichi mulini, casali e vigneti verso la Val di Sieve. Bei panorami sulla valle e sul borgo di Nipozzano.

Pontassieve – Montecucco – San Donato

Lunghezza: 13 km
Tempo stimato: 4 ore
Difficoltà: facile
Cosa vedere: superato l’Arno, si passa per il convento di Rosano, la chiesa di San Pugnano e la splendida villa di Poggio Luco, e ancora il Valico di Terzano per giungere ad uno dei punti panoramici più suggestivi, Poggio Crociferro.

Rignano sull’Arno – Montecucco – Bagno a Ripoli

Lunghezza: 13 km
Tempo stimato: 4 ore
Difficoltà: facile
Cosa vedere: è descritta come una camminata nella storia, lungo i resti medievali dell’antica Via Cassia Adrianea, con il sito archelogico detto Il Castelluccio, di epoca medievale, e i ruderi del Monasteraccio.

Certosa – Firenze

Lunghezza: 6 km
Tempo stimato: 1,5 ore
Difficoltà: facile
Cosa vedere: un percorso che va dalla Certosa del Galluzzo, passando dalla villa dove morì Galileo Galilei nel 1642, lungo le mura della basilica di San Miniato a Monte, fino a Piazzale Michelangelo, il balcone sulla città.

Sul sito dell’agenzia per il turismo di Firenze trovate l’elenco completo delle passeggiate.

Dove dormire. Tra i tanti hotel a Firenze, il Bed and Breakfast Michelangelo mette a disposizione camere ben arredate, nel quartiere di San Niccolò, di fronte alla collina del Piazzale Michelangelo, ed è circondato da ristorantini e caffè, a pochi minuti da Ponte Vecchio. Chi preferisci soggiornare in tranquillità, può optare per la Fattoria Settemerli, un casale fortificato toscano del 14° secolo circondato da vigneti ad appena 7 km dal centro storico di Firenze (raggiungibile in bus).