Categorie
Messico

Cinque spiagge in Messico dai Caraibi al Pacifico

Le spiagge del Messico possono essere suddivise in tre grandi aree: la Riviera Maya a sud-est, il Golfo del Messico a est, la costa del Pacifico a ovest. La Riviera Maya è un paradiso caraibico con sabbia bianchissima, acque calde e turchesi, barriera corallina, pesci tropicali ma anche molti turisti. La costa del Pacifico offre chilometri di spiagge lungo l’oceano, spesso deserte e battute dalle onde e dalle correnti, adatta più al surf che allo snorkeling, con qualche notevole eccezione. Il Golfo del Messico è ancora largamente sconosciuto al turismo e riserva belle sorprese a chi ha voglia e pazienza.

1. Spiaggia di Santa Maria, Baja California

Spiaggia di Santa Maria
CC Fulvio Spada

La Baja California è una lunga penisola bagnata dal Pacifico, nel Messico nord-occidentale. Qui si può trovare una grande varietà di spiagge. Sulla costa orientale e meridionale si trovano le baie più protette e più indicate per fare bagni tranquilli, tra cui la spiaggia di Santa Maria, situata sulla punta meridionale della penisola tra Cabo San Lucas e San José.

Perfetta per famiglie e bambini, per nuotare e per lo snorkeling, è una spiaggia non attrezzata all’interno di un santuario marino e presenta un ambiente circostante ben salvaguardato da speculazioni e turismo di massa.

Dove dormire: Palapas Ventana

2. Spiaggia di Xcacel, Riviera Maya

La Riviera Maya, il tratto di costa compreso tra Cancun e Tulum offre una serie impressionante di spiagge caraibiche, con palme e vegetazione lussureggiante, acque turchesi, fondali ricchi di coralli e pesci tropicali, sabbia bianchissima. Qui c’è soltanto l’imbarazzo della scelta, tra tantissime spiagge che vengono annoverate tra le più belle del pianeta, con un solo neo che rischia di compromettere l’ecosistema: l’inarrestabile sviluppo turistico e tutti i rischi collegati, dal sovraffollamento alla speculazione edilizia.

Tra gli ambienti naturali meglio conservati, Playa de Xcacel si trova 120 chilometri a sud di Cancun ed è la spiaggia più importante in Messico per la nidificazione delle tartarughe. Nei pressi il cenote Xcacelito, raggiungibile a piedi dalla spiaggia.

Dove dormire a Xcacel: Cavelands Ecolodges

3. Zipolite, Oaxaca

La parte occidentale risulta un po’ sovrappopolata con qualche struttura turistica di troppo ma nel complesso Zipolite resta un luogo perfetto per rilassarsi. Situata sulla costa pacifica messicana nei pressi di Puerto Angel, è un’ampia spiaggia che offre semplicità, amache e sistemazioni economiche in riva all’oceano.

Spiaggia di Zipolite
CC Matthias Ripp

Zipolite è un posto dove dimenticarsi del resto del mondo, contemplare i tramonti e l’oceano, leggere qualche buon libro. Atmosfera hippie, nudismo diffuso. Attenzione: le correnti sono pericolose e mietono vittime tra surfisti e bagnanti, non necessariamente inesperti.

Dove dormire a Zipolite: Posada Mexico

4. Punta Lobos, Todos Santos, Baja California

Sulla costa occidentale della Baja California sorge la grande spiagge di Punta Lobos, con pochissimi turisti, qualche surfista e i pescatori locali che spingono le barche tra le onde del Pacifico. Si può fare il bagno ma con cautela, a causa delle correnti.

Punta Lobos, Messico
CC Ana Rodríguez Carrington

Non c’è molto da fare, a parte passeggiare, godersi il sole e il paesaggio, aspettare l’arrivo dei pescatori nel tardo pomeriggio. Punta Lobos si trova all’estremità sud-occidentale della Baja California a pochi chilometri di distanza da Todos Santos, villaggio messicano che a differenza di molte località turistiche della Baja mantiene una sua autenticità e tranquillità.

Dove dormire a Todos Santos: Sole Caliente

5. Playa Escondida, Veracruz

La costa orientale è bagnata dal Golfo del Messico e di solito, quando si parla di spiagge messicane, non viene neppure presa in considerazione. Playa Escondida si trova 100 chilometri a sud di Veracruz, nel punto più a nord della costa di Los Tuxtlas. Qui si incontrano spiaggia e foresta, mare e cielo.

Si arriva a piedi, a cavallo o in barca. E’ un luogo selvaggio in continua mutazione a causa delle maree, da ammirare nella sua bellezza primordiale. Non si fa snorkeling né windsurf e le condizione climatiche e del mare non sempre sono tali da consentire un bagno. I pochissimi alloggi sono spartani, non ci sono luoghi per fare shopping e neppure ristoranti alla moda, ma se siete in cerca di un Messico intatto dove non incontrare un solo turista straniero questo è il vostro posto.

Articoli correlati

Mare in Sicilia: le spiagge vicino a Messina

La costa intorno a Messina si divide tra Tirreno e Ionio, con spiagge molto varie. Sabbiose e ampie quelle tirreniche, con facile accesso alle isole Eolie. Più piccole e riparate quelle ioniche, con perle famose nel mondo come la città di Taormina.

Whitehaven Beach e le bianche lingue del Great Barrier Reef

7 chilometri di spiaggia impalpabile che incontrando il mare color smeraldo forma lingue bianche di sabbia. Siamo a Whitehaven Beach, una delle spiagge più belle del mondo, lungo la Great Barrier Reef australiana.

Riviera dei Ciclopi e spiagge vicino a Catania

La vicinanza dell’Etna e le ricchezza delle offerte culturali rendono il tratto di costa a nord di Catania una destinazione consigliata dodici mesi all’anno.

Sicilia orientale: le spiagge a sud di Siracusa

Le spiagge più belle della Sicilia orientale si raggiungono spostandosi a sud di Siracusa fino alla punta di Capo Passero, punta meridionale di Sicilia affacciata verso il Mediterraneo e l’Africa.