Sicilia occidentale: Trapani, Erice e le isole Egadi (parte1)

sicilia occidentale, itinerario CC Jim

Questo itinerario è uno spunto per chi vuole visitare le isole Egadi in barca e godersi lo splendido mare che le circonda, aggiungendo un paio di giorni per visitare Erice e la città di Trapani, per un totale di otto giorni.
La vela è l’ideale per girare tra le isole della Sicilia, soprattutto se non amate spiagge stipate di ombrelloni. Tenete d’occhio il meteo però, a Marettimo con lo Scirocco, lo Scalo Nuovo, aperto a Sud, può diventare inaccessibile, con il Maestrale entra mare nello Scalo Vecchio, esposto a Nord. Se c’è Grecale, auguri: i locali tirano in secco le barche, per cui esiste la possibilità di rimanere isolati per qualche giorno. Che non è poi tanto male, diciamolo…

Tappe dell’itinerario: Trapani – Marettimo – Favignana – Levanzo – Favignana – Erice – Trapani

1°giorno – Trapani

Arrivati all’aeroporto saltate sulla prima navetta per raggiungere il centro e fiondatevi a Culicchia (via delle arti, 6) a farvi di granita… Suggerisco quella al gelso accompagnata dalla classica brioche col tuppo, semplicemente divina. Con spirito gaudente guadagnatevi il porto: se volete un consiglio, mettetevi d’accordo con qualche pescatore per farvi portare il pescato la mattina seguente all’ormeggio della barca che avete noleggiato, così da poter riempire la cambusa di pesce fresco nel ghiaccio per qualche giorno. Potrete così godere delle bontà ittiche del trapanese anziché uccidervi per tutto il tempo di pasta e tonno in scatola. Portata a termine questa fondamentale missione, dal porto tornate nel centro storico di Trapani. Gran parte è inserito nella zona a traffico limitato e l’accesso alle auto è vietato in numerose strade, che ormai hanno assunto l’indole da “salotto” della città. Passeggiare e respirare la storia tra un susseguirsi di palazzi storici e splendide chiese è un vero banchetto per gli occhi. Scegliete poi tra le tante possibilità offerte da questa magnifica città: potete visitare i principali monumenti, rilassarvi sulle spiagge del litorale di levante, spostarvi con i mezzi pubblici per raggiungere il Museo Pepoli. Dopo una cena alla Bettolaccia avete una notte da passare a Trapani prima di imbarcarvi per le isole: il B&B I colori del Vento è l’ideale per la posizione, il prezzo e l’atmosfera.

2° giorno – Da Trapani a Marettimo

Espletate le scartoffie del noleggio barca e fatta un po’ di spesa, si parte per Marettimo (20 miglia nautiche, circa 37 km), la più lontana a ovest delle isole dell’arcipelago. I bagni in rada nell’acqua verde smeraldo sono spettacolari e meravigliose sono le grotte: le più famose sono quella del Cammello, la Grotta del Presepio, la Grotta Berciata e la Grotta Bombarda, così denominata per i boati prodotti dal moto ondoso. Per scovarne alcune anche tra quelle semi-sommerse l’ideale è accordarsi con i pescatori. Al tramonto, dopo aver attraccato al porto, è d’obbligo l’aperitivo in piazza da Enzo: assaggini di pesce crudo, bottarga, pesto di Marettimo e gamberetti crudi conditi con succo di arance e olio extra vergine di oliva, serviti su una fetta di arancia tagliata a rondella… Il paradiso in terra, o meglio un sushi mediterraneo innaffiato da un bianco che non si fa pregare. Marettimo è l’isola più “selvaggia”, esiste praticamente una sola strada. Dopo l’aperitivo una breve passeggiata e poi in barca a preparare la cena e accordare la chitarra.

3° giorno – Marettimo

Dopo una sostanziosa e memorabile colazione sullo Scalo Nuovo, alla Scaletta, con cannolo o focaccia, si raggiungiamo Punta Troia per visitare il castello, costruito su una torre saracena, nel tempo rifugio di pirati e corsari. Il sentiero che porta al castello si imbocca alla fine delle ultime case del paese: è davvero suggestivo ma non adatto ai più pigri, ed è imperativo indossare snakers piuttosto che flip flop, viste certe discese e salite abbastanza ripide. La camminata vale il fiatone: la fitta macchia mediterranea, i conigli e i falchi vi accompagneranno fino in cima al promontorio che vi regalerà una vista unica. Al ritorno, dopo un meritato pranzo in barca, si veleggia placidamente un paio d’ore attorno all’isola e ci si può fermare presso la splendida Cala Bianca.

sicilia occidentale

CC simonetta viterbi

4° giorno – Da Marettimo a Favignana

Di mattina, arrivati nei pressi di Favignana (13,5 mn, circa 25 km) è d’obbligo puntare su Cala Azzurra: a mio giudizio una delle calette più belle di queste isole. Con il tender si raggiunge la spiaggia e, per chi gradisce, ci si arrostisce un po’. Il tempo scorre con un ritmo proprio su queste isole e abituarsi è facilissimo. Dopo un lauto pranzo, verso il pomeriggio si va verso la rocciosa Cala Rossa, dove il turchese del mare contrasta con il bianco delle pareti di tufo, e si fa tappa anche alla vicina Cala del Bue Marino. La fauna acquatica è splendida e si può far amicizia con saraghi e occhiate. Una giornata dedicata al mare, quindi prima di sera si può attraccare in porto e fare i conti con il mal di terra, oltre che a far rifornimento d’acqua e cibo. Il paese si divide in due piazze collegate dalla via principale: l’isola brulica di turisti e immediatamente rivela il suo lato più mondano. Ci può scappare una granita mentre si va in avanscoperta. Nelle vie strette, negozietti di prelibatezze invitano a entrare: Favignana è famosa per i suoi prodotti ittici come la bottarga e la bresaola di tonno, la ventresca, il salame di tonno e lo spada affumicato. Si assaggia tutto, ovviamente, anche il mosicame e la sosizzella, e si compra qualche prelibatezza in vista della cena. Dopo una rapida doccia, infatti, non può mancare uno spaghetto alla bottarga come si deve. Generoso e indimenticabile. Io me lo sogno ancora qualche volta.

Come arrivare: da Milano, Roma e altre città voli diretti su Trapani-Birgi con Ryanair, AirOne, Meridiana. Qui trovate le info per la navetta dall’aeroporto Birgi a Trapani centro/porto; per raggiungere Erice prendere l’autobus da Trapani centro per Frazione Casa Santa e cabinovia Trapani/Erice.

Noleggio barche: sulla costa trapanese operano diverse società di noleggio charter che offrono servizio per crociere a lungo o a breve termine come il Trapani Yachting Club, il circolo nautico La Fuga Sail e la società di charter Sail Adventures.

Il viaggio continua… Leggi la seconda parte dell’itinerario della Sicilia Occidentale e delle Egadi ➔