Categorie
Sicilia

La Sicilia del Padrino: le location della trilogia

Un itinerario tra le location siciliane della trilogia Il Padrino. Fin dalle prime inquadrature, la Sicilia si esprime in tutto il suo seducente splendore.

Il Padrino, saga entrata a pieno diritto nella storia del cinema, tratto dal romanzo dell’italo-americano Mario Puzo (dal titolo omonimo The Godfather, 1969) e diretto da Francis Ford Coppola, non ha certo bisogno di presentazioni. Chi non l’ha visto per intero almeno un paio di volte? Un cult possiamo permetterci di definirlo, senza paura di esagerare.

Vi proponiamo allora un itinerario tra le location siciliane del film, per i fan più accaniti e per chi ha voglia di scoprire borghi tradizionali e monumenti suggestivi.

Premessa: la trilogia è ambientata prevalentemente a New York, ma la Sicilia si trova già qui. Basta entrare in casa Corleone, partecipare alla festa di nozze della figlia, soffermarsi sugli abiti e le movenze delle persone, per osservarne usi e tradizioni. Un mondo ricreato all’interno degli spazi in cui si muovono, vivono e dettano le regole i protagonisti. Con il fascino e i contrasti di una certa Sicilia, quella della mafia.

Abbandoniamo per la prima volta la grande mela quando Michael è costretto a fuggire e nascondersi per aver ucciso il sicario del padre, Vito Corleone (e scelto così di ereditarne il ruolo). Si rifugia in Sicilia, tornando nel paesino natale da cui la sua stessa famiglia prende nome.

Fin dalle prime inquadrature, la Sicilia si esprime in tutto il suo seducente splendore, così lontana dalla New York degli anni ’50. Una terra gialla, calma, silenziosa, a tratti sorniona e sensuale, come la bella Apollonia, di cui Michael si innamora. Una terra dilaniata da antichi e scuri equilibri, che la deturpano e annullano, così come accade all’innocente ragazza.

sicilia, location del Padrino
Forza D’Agrò, CC Miguel Virkkunen Carvalho

Iniziamo il nostro tour proprio da Corleone, che esiste per davvero. Si trova in provincia di Palermo, a circa 57 km dal capoluogo. Il tradizionale borgo, incastonato nella conca tra la rocca ri maschi, divenne noto nel ‘900 perché sfornò numerosi membri di Cosa nostra facenti parte del clan dei Corleonesi. In realtà però il personaggio di Vito Corleone, è ispirato a un altro mafioso realmente esistito, il palermitano Carlo Gambino.

Nonostante si parli di Corleone, le scene furono girate altrove. Il film infatti è dei primi anni ’70, ma ambientato negli anni ’50. All’epoca Corleone era già fin troppo moderna, così Coppola optò per altre location e in particolare: Motta Camastra, paesino di 900 anime in provincia di Messina, dal forte spirito religioso e dalle tradizioni agricole; Forza d’Agrò, sempre in provincia di Messina con la Chiesa Madre della Santissima Annunziata; e Savoca, uno dei Borghi più belli d’Italia. Qui sono state girate le scene in cui Michael incontra e chiede in sposa Apollonia, in particolare nel casale di Piazza Fossia al Bar Vitelli e nella chiesa di San Nicolò dove si celebra il matrimonio.

Quella che nel Padrino III (del 1990) è la casa siciliana di Michael Corleone, è invece il Castello degli Schiavi che si trova a Fiumefreddo di Sicilia, in via Marina, comune in provincia di Catania, lungo le pendici dell’Etna. È uno dei castelli più suggestivi della regione, eredità del ‘700, un grande esempio di barocco rurale siciliano.

Da leggere e da vedere:

[columns]
[one-half]

compra su Amazon trilogia Il padrino
COMPRA ORA SU AMAZON

[/one-half]
[one-half]
Compra su Amazon il libro Il Padrino
COMPRA ORA SU AMAZON

[/one-half]
[/columns]
 

Le altre scene ambientate fra Corleone e Bagheria, sono in realtà girate nei soliti tre comuni con in più Acireale, cittadina vicino all’Etna famosa per il Carnevale tra i più importanti della Sicilia; il Castello di San Marco a Calatabiano, sulla spiaggia omonima; e la stazione di Taormina, dove si incontrano Michael e Kay.

Anche le scene più importanti del finale della trilogia sono ambientata in Sicilia. Il figlio di Michael, Antony, si esibisce a Palermo come cantante lirico. Le scene dei festeggiamenti sono girate a Villa Malfitano, mentre lo spettacolo al Teatro Massimo. È sulla sua scalinata che si consuma la tragica fine di Mary, la figlia prediletta. Per le ultime inquadrature torniamo al Castello degli Schiavi, che è qui la villa di Don Tommasino, dove Michael, solo, muore.

Ora non ci resta che visitare New York.

» Dove dormire se non al B&B Il Padrino? Il nome sarà anche una trovata commerciale, ma si trova a Savoca, una delle location del film e borgo più bello d’Italia, offre camere con vista sull’Etna, e fu qui che soggiornò il regista Francis Ford Coppola durante le riprese.
Articoli correlati

La Rimini di Fellini: seconda parte dell’itinerario

Saranno le passioni di Federico Fellini il filo conduttore di questa seconda parte del nostro itinerario.

La Rimini di Fellini: prima parte dell’itinerario

Un itinerario nella città natale di Fellini, tra i sogni, le follie e le grandi partenze che hanno segnato la sua vita e il suo cinema.

Cineturismo a Roma: Ostiense e Le fate ignoranti

Il cinema di Ferzan Özpetek ci conduce delicatamente alla scoperta di uno dei quartieri meno turistici di Roma, il quartiere Ostiense.

Cinema africano: Teza di Haile Gerima

Nell’Etiopia del 1990, devastata da quindici anni di guerra civile, un uomo stanco e menomato fa ritorno al suo villaggio natale. Chi è Anberber? Da dove viene? Dove ha perso la gamba?