A piedi nudi nei parchi: la top 5 di Vienna

Vienna. Parchi. Vienna. Parchi - Robert Brands

Respirare a pieni polmoni in centro città, a Vienna, si può. Metropoli europea più vivibile nel 2011 secondo The Economist, la capitale austriaca ha molto da insegnare in fatto di soluzioni eco-friendly. È ai primi posti in Europa tra le mete ecoturistiche. Sorgenti, oasi naturali, oltre la metà del territorio complessivo occupato da aree verdi, strutture e trasporti all’insegna della sostenibilità ambientale fanno di Vienna una delle principali European Green Capital. I suoi 850 parchi urbani ne sono una godibilissima testimonianza.

Una top 5 di imperdibili sarà sufficiente per stimolare la voglia di partire alla volta della città. Magari in sella a una bicicletta, il mezzo di trasporto amico della natura che Vienna favorisce grazie a infrastrutture e iniziative all’avanguardia (oltre 1000 km di pista, 80 punti citybikes e sconti in hotel e ristoranti per chi viaggia pedalando). Magari diretti in uno degli alberghi “Umweltzeichen Tourismus”, cioè quelli a risparmio energetico, tra cui spicca ancora incontrastato l’Hotel Stadthalle, vincitore del premio ecologico Unione Europea.

1. Stadtpark

È il primo giardino pubblico della città, lungo le sponde del fiume Wien. Inaugurato nel 1862, oggi è un piccolo paradiso di piante esotiche e prati lussureggianti attorno a un grazioso stagno. Ma è anche il più ricco di sculture e monumenti, prima fra tutti la statua dorata di Johann Strauss, tra le più fotografate al mondo. E ancora quelle di Johannes Brahms e di Franz Schubert rendono lo Stadpark un piccolo polmone verde puntellato da piacevoli incursioni culturali, segno dell’illustre passato cittadino. Una sosta al caffè del Kursalon con terrazza rinascimentale completa l’offerta rigenerativa di questo luogo.

Vienna. Stadtpark.

Vienna. Stadtpark – Kiefer

2. Prater

Decisamente uno dei più celebri, fosse solo per la sua imponente ruota panoramica, simbolo pagano della città. È questo il parco per chi cerca il divertimento (oltre 250 attrazioni tra cui Planetarium, montagne russe, trenini), ma anche per chi ama lunghe passeggiate nel verde. Con una superficie di 6 milioni di metri quadrati e un viale alberato di quasi 5 km, l’Hauptallee, la sensazione che si vive in questo luogo è di assoluta distanza rispetto a un centro urbano. Viennesi e turisti lo scelgono infatti per praticare sport all’aria aperta: jogging, gite in risciò, in bicicletta, in barca, a cavallo, sui roller blade. Il Prater è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 24 con numerosi negozi per il noleggio di attrezzature sportive. Possibile anche immergersi nella piscina pubblica o, ancora meglio, nel Danubio, con tanto di spiagge artificiali. Campi da tennis, da golf e ippodromo completano l’offerta ricreativa. La ricca area boschiva con laghetti e distese pianeggianti soddisfa la ricerca di un salutare contatto con la natura.

3. Schönbrunn

Altro parco, altra iniezione di ossigeno e relax, in questo caso con un tocco di romanticismo. Chi non ricorda il castello di Schönbrunn come residenza estiva della principessa Sissi, potrà fantasticare sulle sue avventure alla vista del grandioso palazzo barocco. Seppur legato alla famiglia degli Asburgo, Schönbrunn deve il suo nome ad una “bella fonte” (schön brunn) scoperta in loco e ancora presente. La Gloriette, porticato neoclassico sulla collina dietro il palazzo, il museo delle carrozze, la fontana di Nettuno, uno zoo tra i più antichi al mondo, il labirinto, tutto qui rappresenta un valido motivo di visita. L’atmosfera distesa ed elegante attira oltre 5 milioni di visitatori l’anno. Ampio e variegato, con vista sulla città, il parco è un reticolato di sentieri alberati, ideali per praticare attività fisica all’aperto. Il Grande Parterre, la spianata al centro, è un trionfo di fiori, colori e profumi. Elementi che spopolano nella Serra delle palme, la più grande d’Europa con 2.500 metri quadrati di specie mediterranee e tropicali. Per gli amanti di giardini floreali e arte barocca, altra tappa è il Belvedere che, come Schönbrunn, è riconosciuto patrimonio Unesco.

4. Burggarten

Ancora serre in questo giardino all’inglese, una delle aree verdi più incantevole di Vienna. Oltre a un’altra Palmenhaus (serra delle palme), qui si trova la Schmetterlinghaus (casa delle farfalle), attrazione principale del parco: 300 metri quadrati di foresta vergine ricreata dove volano libere centinaia di varietà di farfalle, all’interno di una struttura di vetro in stile liberty tra le più apprezzate al mondo. La farfalla cobra, con i suoi 30 cm di variopinta apertura alare, non potrà certo lasciare indifferenti.

5. Sigmund Freud

In onore del primo psicoanalista della storia, nel parco Sigmund Freud è abituale distendersi, non su un lettino, ma su un prato verde ben curato, come ogni angolo di natura viennese. Un gruppo di alberi piantati circolarmente sono simbolo degli Stati dell’UE. L’area è ottima per un pic-nic, soprattutto d’estate, quando vengono fornite gratuitamente un centinaio di comode sedie sdraio. Infine, un sorso d’acqua di fonte viennese, omaggio del Relax & Refresh Bar, per continuare a passeggiare in questo e altri parchi e goderne gli scenari da ospiti discreti.

Come arrivare. I voli diretti per Vienna partono da tutte le principali città italiane. C’è un’ampia scelta tra compagnie low cost e di bandiera.

Dove dormire25hours Hotel beim MuseumsQuartier.