Varenna, calma e bellezza sul Lago di Como

Varenna, Lago di Como Varenna, Lago di Como - CC David Hart

C’è chi sostiene che Varenna sia la località più bella del Lago di Como, anche più di Bellagio. Non sta a noi confermare o smentire. Certo è che questo antico villaggio di pescatori, oggi elegante paesino arroccato sulla costa orientale della zona centrale del Lario, è una visita assolutamente imperdibile, un luogo romantico ed incantevole, un gioiello perfettamente incastonato tra la magia del lago ed il fascino delle montagne.

Situato su un promontorio della costa lecchese di fronte alla punta di Bellagio, Varenna è un piccolo comune con meno di 1000 abitanti, un intrico di stradine lastricate e di eleganti edifici abbarbicati su pendii scoscesi che calano sino alle acque del lago. Un luogo di pace, in cui godere della splendida vista sulla sponda occidentale del lago, sui monti comaschi che corrono di vetta in vetta verso la vicina Svizzera.

La lunga passeggiata del lungolago, come la visita al centro curatissimo e raffinato, sono una perfetta occasione per una giornata di relax in un luogo in cui si respira un’atmosfera d’altri tempi. Impossibile non incontrare turisti stranieri, soprattutto inglesi, che in ogni periodo dell’anno scelgono questo luogo incantato per godere della luminosità piena e potente del paesaggio estivo, come della malinconia sognante dei mesi invernali.

Meritano una visita alcuni luoghi di grande interesse storico ed architettonico, a partire da Villa Monastero, splendida residenza, oggi di proprietà della provincia di Lecco, nata dalla ristrutturazione dell’antico monastero cistercense di Santa Maria, risalente al tredicesimo secolo e riedificato completamente nei secoli, nell’attuale stile eclettico. Tra le grandi terrazze di Villa Cipressi, realizzate direttamente sul lago, sono ospitate moltissime specie vegetali nel suo meraviglioso giardino botanico. Un luogo di importanza botanica riconosciuta a livello mondiale e di rara bellezza paesaggistica.

Risalendo un poco la montagna, una bella passeggiata da cui si possono ammirare splendide vedute panoramiche del lago, si raggiunge il medievale Castello di Vezio che domina l’intero Lario. Tra i suoi merli e le sue mura, lasciatevi narrare leggende di fantasmi ed ammirate in azione il mastro falconiere.

Dalla bellezza placida del lago si passa velocemente a quella aspra e selvaggia delle montagne lecchesi. Risalire da Varenna al vicino comune di Perledo e quindi a Esino Lario, verso la Valsassina, è uno degli accessi ai sentieri della Grigna la “Dolomite delle Prealpi”, una pietrosa meraviglia naturale, dalle cui vette brulle si ammira un paesaggio che non ha nulla da invidiare alle località più famose dell’arco alpino, con le sue formazioni architettoniche a sigaro, le naturali guglie di roccia e gli impressionanti canaloni.

Dove mangiare: Il Cavatappi a Varenna, Locanda Cacciatori a Esino Lario.
Dove dormire: Villa Torretta, Albergo del Sole.

Come arrivare: in auto (25 minuti da Lecco, 1 ora da Milano traffico permettendo) o in treno (25 minuti da Lecco, 1 ora da Milano Centrale).