Dubrovnik: tra teatro, musica e storia

Dubrovnik © Ileana Ongar

Chi cerca il paradiso sulla terra, deve venire a Dubrovnik.

Esagerare è la regola per chi, come il grande scrittore Irlandese George Bernard Shaw, fa della satira il proprio mestiere. Tuttavia è innegabile che ci sia del vero in queste parole cariche di entusiasmo. Dubrovnik è una delle più belle città dell’Adriatico e d’Europa. Il suo centro storico, o città vecchia, fu fondato da profughi ragusani nel VII° secolo dopo Cristo, tanto che ancor oggi il secondo nome della città è Ragusa. Avamposto bizantino e poi veneziano, porto fondamentale per i traffici con l’Oriente, in posizione strategica quasi al limite meridionale della Dalmazia, si è mantenuto inalterato durante il corso dei secoli, consegnandosi a noi come un vero spettacolo di urbanistica storica.

Dubrovnik, CroaziaAi piedi del monte Srd, protesa verso il mare, Dubrovnik è circondata da una natura rigogliosa e da pinete tipiche della costa croata. Mostra con fierezza le sue famose mura e le sedici torri difensive, tutte perfettamente conservate, entrando di diritto tra le più belle città del mondo, tanto da valere il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO. Un fascino che si respira tra le sue strette vie, nelle forme gotico/rinascimentali della maggior parte dei suoi edifici storici e barocche laddove è stata ricostruita in seguito al terremoto del 1667.

Non soltanto Shaw, ma molti altri uomini di cultura, tra cui Lord Byron, sono rimasti incantati da Dubrovnik. Una città in grado di mantenersi indipendente, di resistere libera come repubblica marinara dal quattordicesimo secolo sino al 1808, una vera e propria città stato, con un’identità fortissima sopravvissuta sino ad oggi. Viverla significa entrare in contatto con una delle pagine più importanti della storia e della cultura croate, i cui segni sono ben visibili nei suoi teatri, come lo storico Marin Držić, teatro dell’opera di epoca rinascimentale, ricostruito nell’Ottocento dopo il suo incendio. Da visitare anche la scuola d’arte, attiva sin dal XV° secolo e tra le più influenti di sempre in Croazia.

Una manifestazione in particolare coinvolge Dubrovnik ogni anno sin dal 1950, il Festival Estivo. Nato dall’iniziativa e dalla vitalità culturale della scena cittadina, il Dubrovnik Summer Festival si è evoluto nel tempo da evento dedicato alla grande prosa di Shakespeare e Goldoni, sino all’attuale rassegna culturale, una grande manifestazione di musica e teatro che si snoda lungo le vie dell’intera città vecchia mettendo in scena concerti e rappresentazioni nei luoghi più significativi. Un’idea che nasce sul palco del teatro Držić nel segno dell’arte e del dramma, della musica classica e del jazz ricercato, e che utilizza sapientemente le atmosfere della città come scenografia. Dai primi di Luglio sino alla fine di Agosto, spettacoli ed esibizioni si rincorrono praticamente ogni sera. Si può assistere a monologhi nel cortile dell’antico Lazzaretto della Porta di Plozze, o a quartetti d’archi sul sagrato della chiesa barocca di St. Blaise. Seguire le vicende di una tragedia greca sulla terrazza del forte Revelino o nell’atrio del Palazzo dei Rettori, magnifica sede del secolare potere politico della Repubblica. Che si tratti di spettacoli all’aperto oppure in una delle sale dei palazzi storici, l’architettura e l’arte, il folklore e la storia si fondono in un evento di grande valore culturale. Considerando che tutto ciò avviene a poca distanza da località turistiche rinomate e da uno dei mari più puliti d’Europa, l’occasione rappresentata dal Dubrovnik Summer Festival è davvero imperdibile.

DubrovnikCome Arrivare. La compagnia navale Jadrolinija e la Azzurra Line effettuano il servizio traghetto da Bari al porto di Dubrovnik quattro volte a settimana in bassa stagione e fino a sei nei mesi estivi. Un’altra possibilità è raggiungere Ancona, prendere il traghetto per Spalato della Snav o della Blue Line, e proseguire verso Dubrovnik in auto o in bus (circa 150 km). Altrimenti si può prendere l’aereo, ma l’unico diretto dall’Italia è quello che parte da Roma Fiumicino della Croatia Airlines. Si arriva all’aeroporto di Cilipi, a circa 10 km, e si raggiunge la città con il taxi o il bus shuttle. L’autobus dall’Italia parte da Trieste una volta al giorno e impiega circa 15 ore.

Dove dormire. Moltissime le soluzioni di accoglienza per il pernottamento. Lussuoso ed esclusivo, sulle pendici del monte fuori città, il Dubrovnik Palace, immerso nella pineta. Vicino al centro e quasi sul mare è l’Hotel Argosy adatto a chi ama la tranquillità. Diverse anche le sistemazioni in appartamento, direttamente nel centro storico, grazie all’Old Town Apartements. È inoltre possibile dormire presso uno dei numerosi affitta camere, basta cercare l’insegna ed entrare a chiedere, anche se in alta stagione si rischia di girare a lungo.