Birra e cultura a Plzeň, capitale europea 2015

Plzen Plzen - sanfamedia.com

E’ la capitale europea della cultura 2015 e offre molto di più di una birra. Plzeň (Pilsen), che divide l’ambìto titolo con la città belga di Mons, si trova a 90 chilometri a sud-ovest di Praga, nella Boemia occidentale, alla confluenza di quattro fiumi: Uhlava, Uslava, Radbuza e Mze. Nota soprattutto per la sua birra chiara, la Pilsener o pils, prodotta dal 1842, la città affonda le sue origini nel XIII secolo (anche se appare già in alcuni documenti datati 976) e oggi conta 165 mila abitanti. Quarta in ordine di grandezza della Repubblica Ceca, si distingue come importante centro economico e culturale e per la sua Scuola di Ingegneria, tra le più prestigiose d’Europa (Plzeň è sede degli stabilimenti Skoda). E quest’anno ha in serbo più di 600 eventi per farsi conoscere in tutto il mondo.

Il centro storico della città boema – da girare preferibilmente a piedi – mostra un aspetto cosmopolita tipicamente ceco, con basse case intonacate pastello e tetti spioventi. Pilsen custodisce edifici religiosi e laici di grande pregio. Tra i primi spicca la sinagoga, la terza più grande al mondo, dopo quelle di Gerusalemme e Budapest. Seguono la Chiesa gotico-barocca dei francescani e la Cattedrale di San Bartolomeo in Piazza della Repubblica, che possiede il campanile più alto di tutto il Paese (103 metri per 301 scalini) da cui godere di una vista aperta su tutto il centro e, nelle giornate serene, sulle cime dei monti della Selva Boema. All’interno, la cattedrale mostra preziosi tesori, tra cui la statua della Vergine Maria delle Grazie, del XIV secolo, uno dei monumenti gotici di maggior rilievo della Repubblica ceca.

Tra i monumenti laici, da non perdere la Colonna della Peste (1681) eretta durante un’epidemia, in Piazza della Repubblica, il Palazzo del Municipio (1500), il Teatro della città e il Birrificio Prazdroj, in cui venne spillata la prima birra lager. A questo proposito non può essere tralasciato il Brewery Museum, per conoscere i segreti della produzione della birra. Infine, tra le attrazioni imperdibili, vi sono i sotterranei, un labirinto di corridoi e pozzi scavati nel XIV secolo sotto il reticolo urbano.

E poi c’è l’offerta culturale, quest’anno più ricca che mai. Plzeň possiede un’anima molto vivace. Ogni anno ospita festival internazionali di grande richiamo come “Smetana Days”, “The Theatre Festival”, “International Drawing Biennial”, “Skupa’s Plzen” o “International Big-Band Festival”, ai quali si unisce il ricco cartellone di iniziative pensato per il 2015 in occasione del titolo di capitale europea della cultura. Si contano centinaia di eventi, tra mostre, concerti, canti e balli della tradizione popolare, spettacoli circensi e teatrali e progetti educativi. I luoghi deputati saranno spazi pubblici, all’aperto e al chiuso, a seconda della performance. Inaugurato a gennaio, il carnet artistico prevede, tra gli altri, il concerto del 1° maggio della band americana Lynyrd Skynyrd che aprirà la “Festa della libertà”, che quest’anno festeggia anche i 70 anni della liberazione della città. Più altre manifestazioni dai nomi allettanti come “Strada Viva” e “9 settimane di barocco”. Come il complesso industriale Pilsner Urquell (Plzeňský prazdroj) che si rianimerà grazie a una rassegna sul design mondiale contemporaneo, per l’occasione torneranno a vivere anche altri spazi dimenticati della città la cui area metropolitana misura ben 125 Kmq.

Nei dintorni di Pilzen, infine, boschi, aree verdi bagnate dalle acque dei fiumi, una rete di piste ciclabili e percorsi ricreativi nelle valli fluviali.

Pilsner Urquell Brewery

Pilsner Urquell Brewery – LenDog64

Dove mangiare. Il Na Parkanu Pub propone stinco di maiale preparato in birra Pilsen e servito con senape, rafano e cavoli, leggendario piatto locale.

Come arrivare. L’aeroporto internazionale più vicino a Plzeň è quello di Praga (92 Km) collegato con diverse città italiane (Milano, Roma, Bologna, Venezia). Controlla qui i voli disponibili. In auto: la città, a metà strada tra Praga e Monaco di Baviera, è ben collegata alla rete stradale trovandosi lungo l’autostrada D5.

Dove dormire: Hotel Roudna, Hotel Rango.