Riga 2014, in Lettonia la capitale europea della cultura

Riga, capitale della Lettonia Riga - CC Bryan Ledgard

Patrimonio dell’Umanità, anomala e suadente città di mare, esperimento architettonico e incontro fra passato e presente: questa è Riga, capitale della Lettonia che durante il 2014 sarà invasa da turisti provenienti da tutta Europa. La città è stata infatti scelta insieme alla svedese Umea per diventare capitale europea della cultura 2014; Riga si è fin da subito rimboccata le maniche tant’è che durante tutto l’anno si stima che saranno oltre 200 le manifestazioni rigorosamente culturali che verranno messe in scena. Un ottimo motivo per scegliere di visitarla proprio nel 2014.

Tutti gli eventi culturali hanno come obiettivo principale quello di creare una fitta trama fra passato e presente. Per guardare al futuro è importante non dimenticare la sofferenza che il popolo lettone ha subito; d’altronde per voltare pagina bisogna prima ricordare e capire: è questo il leitmotiv che fa da scenario a tutti gli appuntamenti culturali, una lente dietro la quale osservare gli incontri che animeranno la vita di Riga nel 2014. Vi elenchiamo alcuni tra i più significativi.

La mostra del libro. L’esposizione si terrà nella Biblioteca Nazionale Lettone e sarà dedicata agli ultimi 500 anni vissuti dal libro stampato: saranno esposti testi provenienti da decine di paesi diversi e si punterà il dito al 1514, anno in cui fu stampato il primo libro con caratteri arabi e fu aperta la prima casa editrice ebraica.

La guerra mondiale in mostra. Ancora in onore del passato sarà organizzata all’interno del Museo Nazionale di Arte Lettone la mostra dedicata alla Prima Guerra Mondiale. Le protagoniste saranno le opere d’arte di giovani artisti che condividono la propria visione di guerra.

La via dell’Ambra. Si tratta di una antica via commerciale che metteva in connessione Mar Baltico e Mediterraneo, oggi in gran parte dimenticata. Durante tutto il 2014 Riga è intenzionata a rivalutare queste antiche connessioni, sinonimo di collaborazione fra i paesi del nord e del sud. Per questo in numerosi musei cittadini saranno esposti oggetti artistici realizzati in ambra, un tempo moneta di scambio, diventata oggi moneta di cultura.

Il futuro in mostra. Non solo passato ma anche futuro: questo verrà messo in mostra grazie a numerose esposizioni, ma soprattutto festival di arte contemporanea e mostre tutte incentrate sull’arte di strada: degno di nota l’intervento dell’artista finlandese Heidi Hannien che colorato Riga di bellissimi murales.

La musica che si fa cultura. Agli eventi musicali è dedicato un capitolo piuttosto ampio: tra il 9 e 19 luglio sarà la volta del World Choir Games, con la bellezza di 20 mila coristi che confluiranno a Riga da 90 paesi diversi. Durante il mese di gennaio invece saranno rappresentate nel Latvian National Opera numerose opere di Wagner che in città visse per qualche anno dando vita a favolose esperienze musicali in compagnia di Rienzi.

27esima mostra degli European Film Awards. La cerimonia di premiazione itinerante quest’anno ha scelto Riga come suggestivo palcoscenico: non è certo un caso visto il ricchissimo patrimonio culturale cittadino e l’interesse dimostrato negli anni da Riga per il cinema. La cerimonia di premiazione si terrà il 13 dicembre 2014.