Mangiare a Bruxelles – Top 5 dei ristoranti belgi e internazionali

Nordzee, BruxellesFoto di Nordzee, Bruxelles

L’offerta gastronomica di Bruxelles è decisamente ricca, varia e di ottima qualità. La cucina nazionale belga e quella più specificamente “bruxelloise” risentono dell’influenza francese e in parte tedesca e si basano su un numero relativamente limitato di eccellenti prodotti: le carni – manzo e maiale – pesci, crostacei e molluschi del Mare del Nord – sogliole, cozze e gamberetti – alcune verdure fra le quali spiccano gli asparagi bianchi di Malines e l’insalata belga (pessima traduzione di “chicons” o ancor meglio “witloof”, ovvero “foglia bianca” in fiammingo), e soprattutto i due fiori all’occhiello della produzione alimentare belga: la birra che merita un articolo a parte ed il cioccolato per i desserts.

mangiare a bruxellesA Bruxelles è ovviamente possibile gustare quasi ogni cucina dei paesi membri dell’U.E. e del resto d’Europa. Spiccano a mio parere quella francese che come già detto si mischia e si contamina con quella locale e quella greca con una serie di locali di ottimo livello. Si difende molto bene anche la cucina portoghese mentre inspiegabilmente i ristoranti spagnoli di buona qualità sono davvero rari.

Per quanto riguarda la cucina di casa nostra bisogna riconoscere che ai locali aperti sotto la spinta della prima ondata migratoria degli anni 50 che ormai si sono “imbastarditi” e non sempre rappresentano adeguatamente la qualità e ricchezza della gastronomia italiana, negli ultimi anni si sta affermando una nuova generazione di cuochi e gestori arrivati direttamente dall’Italia che ne stanno rinnovando con successo l’immagine e la sostanza. Le importanti comunità turche e marocchine sono ben rappresentate a livello gastronomico mentre per la cucina del continente asiatico i ristoranti giapponesi e thailandesi sono ottimi e decisamente superiori a quelli cinesi e soprattutto a quelli indiani. Infine una menzione per l’Africa rappresentata soprattutto dalla gastronomia congolese e comunque da quella dell’Africa Occidentale (Senegal e Camerun) anche se negli ultimi anni sono stati aperti e stanno avendo un buon successo due ottimi ristoranti etiopi.

cucina belgaA livello di alta gastronomia Bruxelles conta due ristoranti con due stelle Michelin ed almeno una decina con una stella. I prezzi sono decisamente più alti ed in alcuni casi (Sea Grill) quasi proibitivi e forse non giustificati. All’estremo opposto della scala prezzo-eleganza troviamo i numerosissimi “Fritkot” ovvero dei baracchini che propongono le splendide patatine fritte belghe oltre ad una serie di specialità di carni varie anch’esse fritte nello strutto bollente. Forse non propriamente dietetiche ma molto saporite…e comunque da provare. Il re dei Fritkot è Chez Antoine in Place Jourdan nel Quartiere Europeo

Fatta questa premessa ecco i miei personalissimi top 5, uno per la cucina belga e franco-brussellese ed uno per quella internazionale a cui aggiungo un top 3  dei ristoranti stellati. Scelte molto difficili: un gran numero di ottimi ristoranti sono rimasti fuori.

Top 5 – Cucina belga e franco-brussellese

1. Le Brassins. C’e’ tutta l’anima di Bruxelles in questo piccolo locale semplice e caldo situato nel quartiere di Ixelles. Specialità di cucina belga eccellenti (filet americain – la specialissima tartare belga – coniglio alla birra, insalata belga al gratin) e una delle migliori “carte des bieres” della capitale con le spine che cambiano ogni mese.

2. De la vigne a l’assiette. Un altro ristorante semplice ma con – giuste e giustificate – pretese di alta cucina di ispirazione franco-belga. Ottimi i piatti di selvaggina in stagione e carta dei vini di grande qualità.

3. Nordzee. Non lo si può certo definire un ristorante ma è una tappa obbligata di ogni tour gastronomico di Bruxelles. Nordzee è una pescheria che all’ora di pranzo serve favolosi piatti di pesce, gamberi e cozze al bancone all’aperto. Tutto è ovviamente freschissimo. Frequentato soprattutto da belgi, in estate e il sabato è un vero luogo di incontro e socializzazione.

4. Ogenblik. Un indirizzo classico nella splendida “Galerie de la Reine” a due passi dalla Grande Place. Un piatto indimenticabile: la millefoglie di salmone e gamberi d’acqua dolce con salsa di aragosta.

5. Frituur Rene. La forza della semplicità. Ad Anderlecht, affacciato su una piazza caratteristica, una cucina di famiglia in un locale “vecchi tempi” come nelle canzoni di Brel. La miglior sogliola del Mare del Nord di Bruxelles.

Top 5 – Cucina Internazionale

1. Notos. Dimenticatevi il solito cliché’ dei ristoranti greci moussakà e souvlaki. Notos è un luogo magico in cui potrete sorprendervi e scoprire una cucina greca insospettabile. Piatti antichi e regionali riscoperti e rivisitati con grande abilità e ottima scelta dei prodotti.

2. Kamo. Molto semplicemente il miglior ristorante giapponese di Bruxelles…e la concorrenza è davvero agguerrita. Ha guadagnato recentemente una stella Michelin. Numero 2 su Tripadvisor.

3. Villa Singha. In una casa che tutto fa pensare tranne che ad un ristorante in una via nascosta di una zona di Bruxelles fuori da ogni circuito turistico. Vale decisamente la pena di andarci – magari a pranzo – per provare una cucina thai autentica e buonissima. Ed a prezzi contenuti

4. L&T – Lasagna e Tiramisu. Una splendida scoperta. In pieno quartiere europeo un nuovo ristorante italiano specializzato in lasagne e tiramisù. L&T offre di entrambi i piatti almeno 5 o 6 versioni diverse – tutte favolose – ogni giorno a seconda dei prodotti del mercato. Filosofia Slow Food e vini italiani interessantissimi. Aperto solo a pranzo.

5. Kokob. La cucina etiope è una delle più antiche e conviviali del mondo. Ci si siede tutti attorno allo stesso piatto e si mangia utilizzando l’ “injera”, una specie di crepe spugnosa e leggermente acidula che fa le veci delle posate. Ogni mercoledì sera cerimonia del caffè etiope. Cibo buonissimo, carta dei vini un po’ limitata.

Le stelle Michelin a Bruxelles

Comme chez soi. Un’istituzione a Bruxelles ma anche nel mondo per l’alta gastronomia. Il ristorante ha perso qualche anno fa la terza stella nel passaggio da Pierre Wynants al genero Lionel Rigolet. In realtà la qualità dell’offerta gastronomica non e’ assolutamente diminuita e l’ambiente da brasserie e’ di gran lunga piu’ piacevole di quello di tanti ristoranti stellati. Se ci riuscite prenotate un tavolo in cucina.

Bon bon. “Cuoco artigiano” è così che si presenta – a ragione – Christophe Hardiquest, ex enfant-prodige della gastronomia belga ed ora grande chef stellato e ottimo selezionatore di prodotti. Un ristorante in cui la tecnica culinaria si adatta alle materie prime disponibili e non il contrario. Probabilmente il miglior stellato di Bruxelles per rapporto qualità-prezzo

La paix. Un posto del genere può esistere solo a Bruxelles. Un ristorante stellato davanti ai macelli di Anderlecht. Il tempio della carne dal 1892. Indimenticabile.

 

Come arrivare: Brussels Airline e Easyjet collegano diversi aeroporti italiani con Bruxelles. Ryan Air vola a Charleroi, a un’ora di distanza dalla capitale belga.
➔ Trova un volo e confronta le tariffe.