Cuba, spiagge caraibiche e rivoluzione a Playa Giron

Playa Giron, Cuba Playa Giron, Cuba - CC Enrico Zacchetti / viaggionelmondo.net

Arriviamo a Playa Giron nel tardo pomeriggio di un giorno di marzo, con la primavera cubana che regala una temperatura sotto i 30 gradi e una piacevole brezza. Abbiamo viaggiato con un’auto noleggiata in mattinata a L’Avana e sulla strada abbiamo raccolto qualche autostoppista cubano, tra cui una studentessa che, usciti dalla Autopista Nacional, ci aiuta a trovare la strada giusta in assenza di segnaletica.

Alla radio suona una canzone di Pablo Milanes. Fuori c’è la luce intensa e morbida dei Caraibi prima del tramonto, la campagna assolata, la vegetazione tropicale, rari gruppi di case o baracche, pochi anziani con grandi cappelli ai margini di una strada polverosa e deserta.

A un certo punto si sente il mare farsi vicino, ancora non si vede, è una questione di luce e odori che cambiano e si mischiano a quelli della campagna. Poi l’odore di mare diventa incredibilmente intenso, sulla strada è un brulicare di qualcosa che dopo qualche secondo di smarrimento si manifesta come un tappeto sterminato granchi rossi. Granchi vivi e in movimento e granchi morti, schiacciati sull’asfalto bollente. Tantissimi granchi, a migliaia attraversano senza sosta la strada per andare a deporre le uova chissà dove, incuranti della strage quotidiana procurata dai peraltro rari veicoli che entrano ed escono dal villaggio. E’ il nostro benvenuto a Playa Giron, villaggio prima di pescatori, ora timidamente aperto al turismo, che in questa stagione (siamo a marzo) non ospita nessun altro straniero a parte noi.

Playa Giron si trova sulla costa meridionale di Cuba, circa 200 chilometri a sud-est dalla capitale Havana. L’area è tra le meno abitate e più selvagge dell’isola caraibica e comprende la Bahìa de Cochinos e la penisola di Zapata, una riserva naturale che ospita numerose specie di rettili, uccelli e mammiferi. Il mare trasparente dei Caraibi e le spiagge orlate di palme ne fanno una delle destinazioni più interessanti per gli appassionati di immersioni e per chi desidera trascorrere qualche giorno di mare lontano dal caos e dal turismo organizzato.

Sabbia bianca, palme e mare trasparente caratterizzano le spiagge di Playa Giron. La spiaggia principale è protetta da una diga e ospita il Villa Playa Giron, un resort con bungalow che si affacciano sul mare. Si trova qui anche l’International Scuba Center che organizza immersioni e corsi di sub. Camminando dieci minuti verso sud si arriva a Playa de los Cocos, la spiaggia più bella e selvaggia, ideale per rilassarsi, prendere il sole e praticare snorkelling.

Se abbiamo iniziato a interssarci a Playa Giron tuttavia non è per le belle spiagge, che a Cuba non sono certo difficili da trovare, ma per la canzone in cui il cantautore cubano Silvio Rodriguez racconta in forma poetica un evento cruciale della storia cubana del secolo scorso.

Playa Giron è un luogo simbolo della rivoluzione cubana. Fu su queste spiagge che nel 1961 un gruppo di esiliati e mercenari organizzati e appoggiati dagli Stati Uniti sbarcarono nel tentativo di rovesciare Fidel Castro che due anni prima aveva posto fine alla dittatura di Fulgencio Batista. L’attacco fu respinto dai cubani, e ancora oggi un grande cartello all’ingresso del paese ricorda la “prima sconfitta dell’imperialismo yanquee in America Latina”. Chi è interessato alla storia cubana non può mancare di visitare il Museo Giron, che ripercorre le vicende attraverso foto e documenti d’epoca.

Dove dormire a Playa Giron

Oltre al già citato Resort Villa Playa Giron, è possibile soggiornare presso gli abitanti del posto in una casa particular, soluzione economica che permette di entrare a contatto con le famiglie cubane. All’ingresso del paese, arrivando da Playa Larga, si può affittare una stanza presso Ana e Carlos. Più a sud, all’estremità opposta del villaggio di Playa Giron c’è Villa Merci, con un bel giardino. I prezzi si aggiravano intorno ai 25 euro per una camera doppia, colazione e cena.

Dopo qualche giorno di relax a Playa Giron, la destinazione successiva non potrà che essere la non lontana città Santa Clara con il mausoleo del Che, a completare un itinerario tematico dedicato ai musei e ai luoghi simbolo della Rivoluzione Cubana.

Per trovare un volo economico dall’Italia a Cuba si possono comparare le varie offerte usando il motore di ricerca di Skyscanner.it