Oxford, cosa vedere nella città di Alice e Harry Potter

© Ed Webster - Magdalen College

Un’ora di treno da Londra per raggiungere Oxford, città di antichi college dalle forme gotiche, biblioteche maestose nelle quali sembra di sentire l’eco dei grandi nomi della cultura anglosassone, racconti d’impronta medievale e rinascimentale, suggestioni cinematografiche (qui le location di Harry Potter), pub tradizionali. Ma soprattutto la presenza della University of Oxford, la più antica università del Regno Unito e tra le più importanti al mondo.

La nascita del celebre ateneo risale probabilmente al 1167 quando Enrico II d’Inghilterra, in contrasto con Filippo Augusto di Francia, proibì agli studenti anglosassoni di frequentare l’Università di Parigi; e nella città di Oxford, già da tempo sede di lezioni, fondò quella che sarebbe in poco tempo divenuta una delle più importanti università del mondo, con i suoi college (oggi 38) nati già a partire dal XIII secolo.

Se il richiamo principale, per chi decide di visitare Oxford, è quello dei college, non si pensi a una realtà cittadina statica, ferma tra pareti di libri. La presenza dell’Università a Oxford comporta un grandissimo afflusso di studenti che nel weekend animano le strade della città e i molti locali e pub. L’atmosfera è affascinante, coinvolgente, a tratti misteriosa, piena di spunti e immagini da ricordare, un misto di passato, di storia da ripercorrere tra edifici e musei, e di vivacità nel presente, di luoghi chiusi, autorevoli, e spazi aperti, parchi, il lungo Tamigi, locali tradizionalissimi e altri più originali.

Per questi motivi Oxford è anche una delle destinazioni più amate in Inghilterra anche per le vacanze studio, con tantissimi studenti da tutto il mondo, giovani e giovanissimi ma anche adulti che in estate e durante tutto l’anno frequentano le scuole d’inglese, tra le migliori del Regno Unito.

MLA – Move Language Ahead organizza dal 1976 vacanze studio in Inghilterra, a Oxford e molte altre destinazioni in Gran Bretagna, opportunità di imparare l’inglese divertendosi per ragazzi da 8 a 19 anni. Scopri di più ».

Cosa vedere a Oxford

Oxford è la seconda città inglese, dopo Londra, per ricchezza del patrimonio architettonico. La zona centrale con molti degli edifici e dei college più noti si sviluppa lungo High Street. E proprio all’incrocio di questa con Cornmarket Street e Queen Street, sorge uno dei simboli della città, ossia ciò che rimane della Saint Martin Church del XIII secolo; si tratta della Carfax Tower, considerata il centro della città stessa. Salire sulla torre permette di apprezzare un fantastico skyline.

Con uno o pochi giorni a disposizione, scegliamo tre dei più celebri e particolari college. I college presentano una struttura ricorrente con piante tipicamente medievali: uno o più cortili, una cappella e un hall.

Il Christ Church College è il più grande e popolare di Oxford, già maestoso dall’ingresso principale sotto l’imponente Tom Tower. Fondato nel 1524, è famoso per avere istruito molti personaggi della cultura anglosassone, come il filosofo John Locke, l’architetto Christopher Wren (sua la cattedrale St Paul di Londra), lo scrittore Lewis Carroll autore di Alice nel Paese delle Meraviglie e molti primi ministri britannici.

In anni più recenti, ciò che ha reso questo luogo davvero famoso a livello internazionale è l’essere stato scenario della saga cinematografica di Harry Potter (molti i visitatori richiamati da questa peculiarità).

Tra le cose che si possono vedere, ci sono la magnifica Great Hall (la sala da pranzo) e la splendida Christ Church Cathedral, cappella del college e cattedrale più piccola del Regno Unito. A Sud del College si trova il Christ Church Meadow, uno dei polmoni verdi della città.

All Souls College è considerato uno dei college più particolari. Si trova al centro di Oxford ma una volta al suo interno tra i chiostri rinascimentali ci si sente lontano da tutto. Fondato da Enrico VI e Enrico Chichele (arcivescovo di Canterbury) nel 1438, a differenza di altri college accetta solo dottorandi. È famoso per essere estremamente selettivo. Elementi architettonici importanti: le due torri (Hawksmoor Towers) e la meridiana costruita da Christopher Wren. Si può visitare solo dalle 14 alle 16 dei giorni feriali.

Il Magdalen College, situato in un parco boschivo abitato da cervi, è uno dei più belli e più ricchi di Oxford. Fondato nel 1458 dal vescovo di Winchester, qui hanno studiato diversi scrittori e artisti britannici, tra i quali Oscar Wilde. Nel Magdalen College, la torre (sec. XV) è una delle più notevoli opere del tardo gotico inglese. Il college si visita di pomeriggio.

Tra le biblioteche, The Radcliffe Camera, con la sua particolare struttura circolare, è uno dei luoghi simbolo della città. L’edificio, in stile neoclassico, fu costruito tra il 1737 e 1749 come sede della Radcliffe Science Library. Per apprezzarne l’interno è necessario partecipare a una delle visite guidate.

La vicina Bodleian Library è una delle biblioteche comunali più antiche nel mondo e sicuramente una delle più particolari e affascinanti tra quelle che si possano visitare. E’ possibile vedere anche l’annessa Divinity School, una delle più antiche aule dell’Università.

Interessante una visita al Museo Ashmolean di Arte ed Archeologia. Si tratta di uno dei musei più antichi del mondo e ospita sculture greche e romane, come l’Apollo di Olympia e il fregio del Partenone.

Da vedere anche lo Sheldonian Theatre, architettonicamente ispirato al Teatro di Marcello di Roma (con lo schema del teatro classico romano con una facciata rettangolare e un retro semicircolare), costruito nel 1663 su progetto dello stesso Christopher Wren. E’ possibile salire fino alla cupola per apprezzare la città dall’alto.

Piacevole intramezzare la visita alla parte storica e architettonica con scoperte di altro tipo. Obbligatoria almeno una passeggiata lungo il Tamigi, presenza importantissima, suggestiva, vitale, così come la rete di fiumi intorno alla città.

Suggerita senza dubbio una visita all’orto botanico: fondato nel 1621, è il più antico di Gran Bretagna ed è parte integrante della storia della città e dell’Università; contiene più di ottomila specie di piante e alcuni alberi secolari; un susseguirsi di colori e forme all’aperto e nelle numerose serre.

Sicuramente da vedere l’Oxford Covered Market: mercato coperto dal gusto raffinato e atmosfera un po’ fiabesca, attivo dal 1774, ospita una cinquantina di negozi e varie pasticcerie artigianali (spesso specializzate nel cake design).

Come raggiungere Oxford: da Londra, in treno dalla stazione di Paddington o in autobus dalla Victoria Coach Station.
Dove dormire a Oxford: Cotswold Lodge Classic Hotel