Castelli della Lombardia, gli imperdibili cinque

castelli Lombardia Castello Sforzesco | CC fedewild

Testimonianze di epoche lontane, simboli di potere e controllo, custodi di preziosi cimeli. Luoghi fortificati per eccellenza, in origine semplici e isolate torri di guardia che hanno assunto le attuali sembianze con lo scorrere del tempo, diventando veri e propri complessi di edifici fortificati, se non addirittura interi borghi. Se un tempo ospitavano le famiglie dei signori e dei principi, oggi sono popolati dal via vai di persone curiose e ne alimentano le fantasie. I castelli della Lombardia sono tanti e disseminati in tutto il territorio, vi proproniamo qui cinque tra i più belli, quelli da non perdere:

Castello Sforzesco, Milano

Partiamo da uno dei più famosi, lo Sforzesco, costruito da Francesco Sforza, Duca di Milano, nel XV secolo sui resti del più antico Castello di porta Giovia, datato XIV secolo. Un grande contributo fu apportato in seguito da Ludovico il Moro che coinvolse personalità del calibro del Bramante e di Leonardo da Vinci che affrescò, tra le altre, la Sala delle Asse dipingendone intrecci floreali. Simbolo del potere dei Signori di Milano, dimora prima e base militare poi, quasi distrutto in epoca napoleonica, usato da Radetzky nelle Cinque giornate di Milano per bombardare la città stessa, diventò per i milanesi un tasto dolente, alcuni ne proposero addirittura la demolizione. L’architetto Luca Beltrami lo sottopose invece a un lungo restauro che terminò nel 1905, ricostruendolo in larga parte sulla scia dell’originale. Il castello mantiene oggi tutto il suo fascino e ospita numerosi musei come la Pinacoteca, il Museo egizio, d’Arte antica e si susseguono mostre itineranti. Visitare il castello significa fare un vero e proprio tuffo nella storia della città. Tante le iniziative e i tour guidati, come ad esempio il giro dei sotterranei e i percorsi notturni.
Informazioni utili. Il sito del turismo del Comune di Milano mette a disposizione orari di apertura, costi e informazioni sul Castello Sforzesco.
Dove dormire a Milano. Teodora B&B

Rocca Scaligera, Sirmione

Rocca Scaligera - Sirmione

CC Son of Groucho

Ci spostiamo verso uno dei laghi più belli della Lombardia, il Garda, e raggiungiamo Sirmione, una meta famosa per il turismo internazionale. Qui si trova la Rocca Scaligera, un possente maniero che risale alla secondà metà del XIII secolo e venne commissionato da l’allora signore di Verona, Mastino I della Scala. Il maniero infatti si trova al confine tra Lombardia e Veneto ed è un raro esempio di fortificazione destinata a uso portuale, un tempo rifugio della flotta scaligera. Con le sue alte torri, le mura merlate e la darsena perfettamente conservata, è un castello lombardo ricco di fascino. Una volta lì potrete camminare lungo le mura e raggiungere la cima della torre più alta per ammirare uno tra i castelli meglio conservati d’Italia, reso particolarmente suggestivo dalle acque che ne lambiscono ogni lato.
Informazioni utili. Orari: da ottobre a marzo, ore 9.00-16.00, chiuso il lunedì; da aprile a settembre 9.00-19.00.
Dove dormire a Sirmione. B&B La Dimora Del Garda

Castello di Malpaga, Cavernago

Castello di Malpaga

CC benito roveran

Il castello è passato alla storia come centro di quello che un tempo fu il Principato di Bartolomeo Colleoni, il Capitano Generale di Venezia, ricordato come grande condottiero. Era il 1456 quando lo acquistò dal comune di Bergamo e di lì a poco ne fece un’inespugnabile fortezza e una lussuosa dimora. Il castello con la loggia di Medea, i merli ghibellini e le alte torri, è infatti bellissimo sia all’esterno per la sua massiccia e imponente struttura, sia all’interno grazie ai meravigliosi e coloratissimi affreschi e ai tanti elementi d’arredo. Gli affreschi, più o meno conservati, ritraggono principalmente Bartolomeo Colleoni e le sue epiche battaglie. Molti sono stati realizzati dal Romanino in occasione della visita del re di Danimarca Cristiano I.
Informazioni utili. Orari: la domenica e i giorni festivi dalle 15:00 alle 18:00, visite individuali guidate. Chiusura: dicembre e gennaio.
Dove dormire a Cavernago. Locanda Dei Nobili Viaggiatori

Rocca di Angera, Lago Maggiore

Rocca di Angera

CC Andrea Passoni

Altro lago famoso per i suoi borghi e le sue vedute, è il Lago Maggiore che ospita lungo la sponda lombarda un paesino grazioso, Angera, sovrastato dalla Rocca Borromeo, detta appunto di Angera. Si tratta di un’antichissima fortezza costruita su uno sperone di roccia calcarea e ottimamente conservata che risale al XII secolo, ad esclusione di alcuni elementi come la torre castellana del XIII. Con la gemmella Rocca di Arona, rappresentava in epoca medievale il principale punto strategico per il controllo del Lago Maggiore. Torri e merletti si stagliano alti e imponenti, come solenni sono le sale affrescate. I giardini medievali e i progetti di valorizzazione e ripristino, la veduta mozzafiato sul lago, sono solo alcuni dei motivi per visitare la Rocca. Un altro è il Museo della bambola al suo interno, che ospita giocattoli antichi di ogni tipo e materiale.
Infornamzioni utili. Orari: aperto da aprile a ottobe; 09.30/12.30 – 14.00/17.30.
Dove dormire ad Angera. Locanda la Casetta

Castello di San Giorgio, Mantova

CASTELLO SAN GIORGIO - MANTOVA

CC Maurizio

Proprio nel cuore della città, ormai parte del Palazzo Ducale, il castello, baluardo dei Gonzaga, si erge rosso e imponente. Realizzato alla fine del 1300 su progetto di Bartolino da Novara e commissione di Francesco I Gonzaga, è a pianta quadrata con torri e controtorri a ogni angolo, ciascuna porta ha il suo ponte levatoio. Il portico rinascimentale è ad opera di Luca Fancelli, architetto fiorentino. Nel torrione di nord est, non perdete La Camera Picta, o Camera degli Sposi, del Mantegna, frutto di nove anni di lavoro. Un fantastico gioco di prospettive ed elementi, considerata la camera più bella del mondo. Ci sono poi la Sala degli Stemmi, quella degli Affreschi con le raccolte di mostri e centauri, la Sala delle Sigle, la Sala dei Soli, solo per citarne alcune. E già che ci siete potrete sfruttare l’occasione per girare l’intero Palazzo Ducale, la reggia dei Gonzaga, collegato al castello dallo scalone di Enea, i musei e la bellissima città di Mantova nel suo insieme, Patrimonio dell’Umanità UNESCO.
Informazioni utili. Orari: 08:45 – 19:15. Chiusura: lunedì. Per La Camera degli Sposi è necessario prenotare: tel. 041.2411.897
Dove dormire a Mantova. B&B L’Affresco