Carloforte, echi di Liguria a sud della Sardegna

Carloforte - Cala fico© Andrea Lodi

Un isolotto sardo in cui si parla e si mangia genovese. Carloforte, unico borgo abitato dell’isola di San Pietro, a 10 km a sud dalle coste di Sardegna, è quello che viene definito un’enclave, territorio compreso in una regione ma che appartiene a un’altra. Ad essere precisi, però, giuridicamente Carloforte è terra di Sardegna, appartiene infatti alla provincia di Carbonia-Iglesias, ma qui tutto ricorda la Superba. Cucina, lingua, tradizioni, tanto che Carloforte è, dal 2004, comune onorario di Genova.

L’origine genovese di questo fazzoletto di Liguria in mezzo al mare (misura 50 Kmq), risale a secoli fa. Intorno al 1540 pescatori e commercianti di Pegli abbandonarono la patria alla volta dell’isola tunisina di Tabarca, attirati dall’oro rosso del mare, il corallo. Dopo circa due secoli, le pressioni subite da arabi e pirati e l’esaurimento dei banchi corallini, costrinsero i “tabarchini” a lasciare l’isola e a trovare rifugio al largo del litorale sardo. Qui, a San Pietro e Sant’Antioco, isole dell’arcipelago del Silcius, fondarono rispettivamente i comuni di Carloforte e Calasetta (1741). E così ebbe inizio la storia dei “genovesi di Sardegna”.

Carloforte è uno dei “borghi più belli d’Italia” con i suoi carrugi, le sue piazzette, il molo, il porticciolo e le antiche chiese. Dell’abitato originario restano i varchi tra le mura costruite a difesa dei barbareschi, come Porta Leone e Porta Cassebba. Fuori dal perimetro murario, ancora oggi si ammirano i palazzi risalenti al XVIII e XIX secolo che affacciano sul lungomare, Corso Battellieri, dove, nell’omonima piazza, spicca il monumento a Carlo Emanuele III di Savoia, colui che permise ai tabarchini di colonizzare San Pietro. A pochi chilometri dal centro in un forte del 1738 sempre dedicato al re, prima costruzione in muratura isolana, oggi rivive in immagini e reperti la storia della comunità locale, raccolta ed esposta nelle 6 sale del Museo Civico Casa del Duca. La comunità oggi conta circa 6.400 abitanti, nelle cui vene scorre sangue di Africa, Liguria e Sardegna. E parlano il “tabarchino”, una lingua molto simile al genovese antico studiato anche da De Andrè per la stesura di alcuni testi della raccolta Creuza de mä.

Carloforte, lungomare

© Alessandro Cani

Di viottoli in mezzo al verde ce ne sono anche a San Pietro, con scorci panoramici straordinari. L’isola, di origine vulcanica, è infatti un paradiso per naturisti, dove tra la lussureggiante vegetazione mediterranea spuntano antiche saline, nella zona a sud del borgo, incantevoli baie e piatte scogliere che degradano dolcemente verso il mare.

Il modo migliore per scoprire l’isola è noleggiare un gommone o una barca così da accedere anche ai tratti costieri difficilmente accessibili via terra. La costa presenta un’ampia varietà di spiagge, calette di sabbia lambite da acque cristalline e alte falesie a strapiombo sul mare. Quest’ultime sono l’habitat naturale del falco della Regina (o falco eleonorae), una specie molto rara che nidifica proprio qui. E’ per questo rapace che San Pietro è anche detta Isola dei falchi ed è per la presenza di oltre 200 esemplari che è considerata un’area di importanza internazionale. A tutelare i falchi e altri volatili, come fenicotteri rosa (circa 500) e gheppi, ci pensa l’Oasi Lipu di Carloforte. Su una superficie di 236 ettari e un litorale di 6,5 Km, vivono molte varietà faunistiche e floristiche, tra cui le piante endemiche Anagallis monelli, dalla corolla rosso vivo, e il Bellium crassifolium, margherita dagli esili petali.

Prenota l'hotel in Sardegna

Tra le calette, Cala Fico e Cala Vinagro, ad ovest, sono le più suggestive, strette tra alte pareti di roccia bianca e il turchese del mare. A breve distanza da Cala Fico si trova Capo Sandalo, la punta occidentale dell’isola, dominata da un piccolo faro che guarda l’isolotto del Corno. Cala Lunga, a nord, che prende nome dalla forma allungata, è l’ultima insenatura prima di raggiungere la Tonnare, punta settentrionale di fronte all’Isola Piana. Si distinguono anche Punta delle Colonne, a sud, per via di guglie rocciose che spuntano dal mare, e i due stagni di Cala Vinagra e Vivagna, e il Bacino artificiale di Nasca. In più, passeggiando nell’entroterra (giugno e settembre sono i mesi migliori) sarà facile imbattersi in strane “sculture naturali”, rocce erose dal maestrale, il vento che soffia quasi costantemente su tutta l’isola, che gli autoctoni chiamano funghi di pietra.

Carloforte, oasi lipu

@ Stefano Sassu

Oltre al fascino di storia, borgo e natura, Carloforte attrae anche per la sua cucina, tipicamente marinara, fusione di culture mediterranee. Oltre a focaccia e farinata, eredità alla cultura madre genovese, un altro piattoforte è il cascà, simile al cous cous, condito con pesce e verdure, e di evidente influenza magrebina. Ma l’elemento principe della cucina in terra carlofortina è il tonno, di cui i “tabarchini” sono abili pescatori. Cucinato in ogni modo e senza risparmiarne alcuna parte, è alla base di ottimi piatti: c’è il tonno alla carlofortina, tagliato a cubetti e saltato in padella con vino bianco e alloro, o il sugo di tonno fresco, olive, capperi e pecorino da unire a una pasta punga, come le linguine. E il tonno è protagonista anche di una delle manifestazioni tradizionali dell’isola e a carattere internazionale, il Girotonno, che si tiene a fine maggio e si snoda tra gare di chef, eventi musicali e spettacoli all’aperto che richiamano l’antico rito della mattanza, un po’ brutale ma tipico di questa originale comunità.

Dove mangiare a Carloforte. Il Ristorante al Tonno di corsa (Via Marconi 47) e il Ristorante Da Nicoro (Corso Cavour 32) propongono piatti fedeli alla migliore tradizione tabarchina.

Dove dormire a Carloforte. Oltre alle vecchie tonnare restaurate e trasformate in residence, sull’isola sono presenti varie strutture più convenzionali. Tra queste, l’Hotel Guardia dei Mori situato al di sopra di una collina con vista sul porto, e il B&b Ippocampo a 500 metri dalla spiaggia.

Come si arriva a Carloforte. Partenze giornaliere e frequenti (in particolare nella stagione stiva) dal porto di Portoscuso in Sardegna con i traghetti della linea Siremar.

» Su Skyscanner.it voli low cost per la Sardegna » Su Directferries.it tutti i traghetti ai prezzi migliori.

Carloforte

@ interstella_fr