Sochi, la perla del Mar Nero per le Olimpiadi invernali

Sochi, Mar Nero© Sochi2014 Press Office

Febbraio è alle porte: passaporto alla mano, visto di soggiorno, biglietto per la cerimonia di apertura e per qualche disciplina come freestyle o skeleton. Se avete in mano queste cose, le premesse sono buone per godersi la XXII edizione dei Giochi Olimpici e Paralimpici invernali che a breve vedranno Sochi (Soči) protagonista, meta del più lungo percorso della Storia coperto dalla torcia olimpica. E mentre i tedofori stanno già avanzando nell’inverno russo, diamo uno sguardo a quella che viene considerata la Perla del Mar Nero, località di punta indiscussa della regione russa del Krasnodar Krai durante l’estate.

A Sochi si va d’estate per il mare. In effetti è conosciuta soprattutto per il turismo balneare grazie alla posizione geografica: si estende lungo 120 km di costa e i monti del Caucaso la riparano dalle correnti fredde del nord mentre l’influsso del Mar Nero, dove si affaccia, contribuisce ad addolcire le temperature anche durante l’inverno. La stagione “estiva” qui comincia a maggio e dura fino agli inizi di ottobre: se stentate a crederci, sappiate che è gemellata con Rimini dal 1977. Tanti gli sport da praticare sull’acqua, tra cui anche parachute e rafting sul Fiume Bianco, e molte le escursioni da non perdere: il territorio è disseminato di cascate e la vista panoramica dal picco di Akhun è davvero mozzafiato.

Da non perdere a Sochi: l’Arboreto. Splendido parco e fiore all’occhiello tra i giardini di tutta la Russia, con acquario, laghetto e una varietà di querce, pini, cipressi e piante rare subtropicali davvero notevole.

© Sochi2014 Press Office

© Sochi2014 Press Office

Ma a Sochi si va anche per sciare. La vicinanza agli impianti sciistici di Krasnaja Poljana, le ha permesso di essere scelta come location di queste Olimpiadi, portandola all’attenzione di tutto il mondo anche per la stagione invernale. Gli impianti, indicati come mountain cluster, tra cui il trampolino RusSki Gorki e la pista Roza Chutor, distano una sessantina di km. Le gare sciistiche, quelle di bob e slittino e lo skeleton avranno luogo qui, in diversi complessi, il più distante è il Laura Complex.

I trasporti durante le Olimpiadi. Per chi sarà tra i fortunati spettatori dell’evento, è fondamentale avere un quadro chiaro dei trasporti. Innanzitutto è bene tenere con sé una mappa dei treni e degli autobus attivi per l’occasione: eliminati i maršrutki, tipici pulmini della città con una capienza di 15 persone, gireranno bus con una più alta portata che potranno usufruire di corsie preferenziali a garantire puntualità. Gli organizzatori affermano che tra il complesso costiero e quello montano non ci vorranno più di 30 minuti in treno, grazie alla nuova linea ferroviaria. La ferrovia è preferibile anche per arrivare dal centro della città di Sochi fino ai coastal cluster, ovvero gli impianti sulla costa a breve distanza l’uno dall’altro che fanno parte dell’Olympic Park. Qui si trovano i palazzetti per specialità come l’hockey, il pattinaggio ed il curling, oltre alla piazza delle medaglie, dove il 15 febbraio gli ori che verranno consegnati conterranno un frammento di meteorite, quello che nel 2013 cadde sopra Čeljabinsk…

Il Festival Internazionale dell’Arte. Già che siete a Sochi, ricordate che il 6 febbraio inizierà la VII edizione di questo festival che richiamerà 5000 artisti da tutto il mondo e che ovviamente entra a far parte del programma culturale dei Giochi. La musica è il tema della manifestazione: i concerti si terranno nella Welcome Area della città e al Teatro d’Inverno di Sochi, oltre che nel futuristico Galaktica di  Krasnaja Poljana.

Dove dormire a Sochi

Scegliere un hotel in occasione delle Olimpiadi è la parte più delicata di tutta l’organizzazione: date un’occhiata all’offerta di Sochi, oppure puntate su Adler più vicina al Parco Olimpico e allo stesso aeroporto, e comunque al centro del reticolato dei trasporti. Soprattutto se si hanno biglietti per entrambi i cluster. Purtroppo vista l’affluenza, la caccia è davvero spietata e dunque è consigliabile tenere in considerazione anche Cudepsta o Hosta per pernottare. Se invece preferite stare in mezzo alle cime innevate, le montagne di Krasnaja Poljana sono di certo adatte: scegliete uno chalet o un hotel in stile alpino. Anche affittare un appartamento può essere vantaggioso e addirittura c’è chi ha già scelto la nave come punto d’appoggio. Il governo russo ha imposto delle soglie massime per controllare i prezzi delle camere: per una notte in una doppia si potrà spendere dai 145 $ ai 332 $ in base alla categoria.

© Sochi2014 Press Office

© Sochi2014 Press Office

Come arrivare a Sochi

Per raggiungere Sochi consigliamo di volare, almeno fino a Mosca… Se poi potete prendervela comoda, il treno vi farà sicuramente godere il paesaggio. In concomitanza alle Olimpiadi sono stati aggiunti voli e aperte nuove tratte. Si può scegliere tra tragitti brevi (8- 12 ore circa), come la tratta Milano-Francoforte-Mosca-Sochi, o scegliere più scali che possono protrarre il viaggio fino a 24 ore. Arrivati all’aeroporto di Sochi un servizio di navette vi porterà agilmente in centro città, ma è preferibile prenotare in anticipo il trasferimento fino all’hotel.

Da sapere su Sochi

Permesso di soggiorno e passaporto: il passaporto deve essere valido almeno 6 mesi a decorrere della data di scadenza, il permesso di soggiorno non è necessario se arrivate in nave e non vi fermate per più 72 ore. Consultate il sito della Federazione Russa per maggiori info.

Biglietti: i ticket si possono acquistare sul sito istituzionale dei Giochi con carta di credito.