Gli snowpark in Italia – Top 5

snowboard_extreme

Anche quest’anno inizia la stagione invernale per la gioia di tutti gli snowboarder che non vedono l’ora di togliere la tavola dal chiodo. Mentre in tanti, colleghi e amici, guardano fuori dalla finestra deprimendosi di fronte a un tempo grigio, piovoso e freddo, in cui l’estate è solo un lontano ricordo, i freestylers, travesti da bravi ragazzi, sogghignano. La neve è in arrivo, e quest’anno, sembrerebbe, prima del previsto. Bene ragazzi, allora eccoci con la top five degli snowpark d’Italia.

Lombardia: snowpark di Livigno

Snowboard Mottolino - LivignoMottolino. Lo snowboard a Livigno è sinonimo di Mottolino, il più grande snowpark d’Italia e uno dei primi tre in Europa. Quattro le aree principali in cui sbizzarrirsi a seconda del proprio livello. Si parte dall’esclusiva area XL riservata ai grandi rider professionisti, per i comuni mortali ci sono le aree L(arge), M(edium) e S(mall). C’è poi la Jibbing area dedicata a rails, scalinate, box, walls e bank. Un privilegio unico, sciare accanto freestyler d’eccellenza proveninenti da tutto il mondo. Il Mottolino ha ospitato per anni il Burton European Open, uno degli appuntamenti snowboard più importanti, e ogni anno ospita il World Rookie Fest, per le promesse under 18, o il mitico River Jump, considerato uno degli eventi più stilosi, in cui freestylers di fama internazionale si sfidano nel salto del fiume Spoel, largo oltre 8 metri. Lo snowpark si trova vicino al rifugio M’Eating Point che si raggiunge con l’impianto Trepalle, forse in onore del coraggio di chi si arrischia sui rails più difficili.

Piemonte: snowpark di Bardonecchia

Bardonecchia. Snowpark d’eccelleza con i suoi jibbing e kickers dalle più svariate misure, e discese di tutti i tipi, si divide in tre aree, il Red Park per freestyler esperti o di medio livello, il Blue Park per chi ancora ha da imparare e, novità di quest’anno, il Burton Progression Park per bambini e principianti assoluti. C’è poi una zona “design”con rails in legno e una Jibbing Area per i riders. Questa stagione festeggia il 25° dello snowbord a Bardonecchia e ospiterà, ancora una volta, la Coppa del Mondo. Le strutture che vengono costruite a inizio stagione, sono a disposizione di tutti i riders che hanno il coraggio i mettersi alla prova! Lo snowpark deve la sua fama internazionale principalmente all’eredità delle Olimpiadi “Torino 2006”, quale? L’half pipe olimpico con i suoi 130 metri di lunghezza, 18 di larghezza e 6 di altezza. Lo snowpark si trova nell’area Melezet ed è interamente dotato di impianto audio per accompagnare gli acrobati delle nevi nelle loro evoluzioni.

Trentino: snowpark di Madonna di Campiglio

Ursus. Snowpark di Campiglio, noto a livello internazionale come uno dei migliori delle Alpi italiane. Si suddivide in due parti, pro e beginner/intermediate ed è gestito dai fratelli Schiavon che ogni anno si impegano nel rinnovarlo aggiungendo e modificando le strutture. A ridosso delle Dolomiti di Brenta è una vera perla per gli amanti dello snowboard. Numerosi gli eventi e le iniziative oltre che le continue new entry. Le novità di questa stagione? Oltre ai consueti kick e i numerosi rail, la gamma di box è sostituita da una nuova serie di fan-box, kids da 6m larghi 0.7 e combo da 6/9/12m con kink differenti larghi 0.4m e alti 0.6. Lo snowpark del Passo Grosté si trova a un’altezza di 2.500m di altitudine. In continua evoluzione, si amplia di anno in anno attirando riders da tutta Europa, sempre più numerosi.

Valle d’Aosta: snowpark di Breuil-Cervinia

Indian snowpark. Cervinia ospita uno dei più famosi snowpark d’Europa nato nel 2003 e rinomato per la qualità, il divertimento assicurato e le frequentazioni che vedono nomi quali Ivo Letey, Davide Lantermoz e Lufi Ronc. Si trova nel comprensorio Breuil-Cervinia, nella località Fornet, e vanta 2 differenti linee di riding, una easy e una intermediate, tre diverse linee di salti con rail, mega wall di 4m e kicker tra i 3,6 e gli 11 metri per un totale di quasi 400 metri di lunghezza e 100 di larghezza, 4 ettari di area freestyle dedicata. L’indianpark è lo snowpark più alto d’Europa con i suoi 3.000 m di altezza e raggiunge il suo massimo con il Decolletor un kicker della bellezza di 18 m e la Doggy House di quasi 3 metri. Il divertimento è assicurato!

Alto Adige: snowpark dell’Alpe di Siusi

King Laurin snowpark Siusi. Famoso soprattutto tra snowboarder d’alto livello e rider professionisti, è uno dei parchi meglio mantenuti e più strutturati. Lo snowpark si sviluppa lungo un’intera pista da sci dell’Alpe di Siusi, lungo 1500 metri e davvero non saprete cosa scegliere tra tutti quei kick, box, jump, wall e la woodline. Il parco deve il nome a una leggenda che ha a che fare con un re nano di nome Laurin e un cappello magico. Però deve la sua notorietà a ben altro. L’ISPO infatti gli conferì uno Snow Summit Awards, riconoscendolo come uno dei cinque migliori snowpark d’Europa. Secondo per grandezza solo a quello di Livigno, è il più grande del Trentino Alto-Adige. Qui i riders trovano davvero pane per i loro denti. Regina incontrastata la halfpipe lunga 120 metri… Punto di ritrovo dei migliori rider nazionali, ospita numerosi eventi tra cui il Freeski Contest e l’ormai storico Subject Schlern.